“What They Took With Them”

"What They Took With Them"

9 attori famosi, tra cui Cate Blanchett, Keira Knightley, Stanley Tucci, Chiwetel Ejiofor, Jesse Eisenberg e Kit Harington, con lo scrittore britannico Neil Gaiman hanno registrato per l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) un breve video in cui recitano una poesia dedicata ai profughi scappati dalla guerra in Siria. La poesia si intitola What They Took With Them (Cosa hanno portato con loro) è stata scritta da Jenifer Toksvig ed è ispirata ai racconti di alcuni profughi siriani.

Secondo i complottisti Hillary Clinton è stata sostituita da una sosia

Secondo i complottisti Hillary Clinton è stata sostituita da una sosia

Domenica pomeriggio Hillary Clinton, candidata dei Democratici alle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti, si è sentita male durante le celebrazioni commemorative per l’11 settembre a Ground Zero. Clinton ha lasciato con discrezione la cerimonia ma qualcuno l’ha ripresa mentre aspettava la sua auto di servizio sorretta da alcuni assistenti.

Clinton si è poi fatta accompagnare a casa di sua figlia Chelsea, sempre a New York: si è ripresa rapidamente ed è uscita dal palazzo salutando i suoi sostenitori.

Hillary Clinton non è una politica particolarmente amata negli Stati Uniti: in molti (anche tra gli elettori Democratici) la vedono come una persona ambiziosa e poco trasparente e il suo malore di domenica ha fatto nascere (tra gli elettori più di destra) diverse teorie del complotto secondo cui in realtà Clinton stia nascondendo una malattia molto più grave della polmonite che ha poi detto di avere. Uno degli sviluppi di queste teorie complottiste è che la persona uscita a salutare sul marciapiede davanti a casa di Chelsea Clinton non fosse Hillary Clinton, ma una sosia usata per convincere gli elettori del buono stato della salute della candidata.

Una delle prove è che la Hillary Clinton uscita dal palazzo di New York sembra più magra della solita Hillary Clinton.

L’altra è che intorno a Clinton, fuori dal palazzo, non ci fossero gli agenti dei Servizi segreti che la scortano ovunque. (In realtà erano lì, come si vede da altre foto).

E poi: l’indice della nuova Clinton è più lungo di quello della vera Clinton.

La nuova Clinton ha un aspetto più giovane di quella vecchia.

E ha un naso diverso.

Eccola! Trovata la sosia!

Quanti puntini ci sono?

Quanti puntini ci sono?

Qualche ora fa Will Kerlase – un utente Twitter che ora ha circa un migliaio di follower – ha condiviso l’immagine di un’illusione ottica: è stata ritwittata circa 10mila volte e ne hanno parlato alcuni importanti siti statunitensi. È semplice e in realtà nemmeno nuova (esiste dal 2000) ma, come succede a volte a certe cose di internet, ha preso un giro strano ed è tornata. Ci sono delle righe grigie che si incrociano su uno sfondo bianco e in mezzo ci sono dei puntini neri, e qui sta il problema. Sono 12, ma la maggior parte delle persone ne vede di meno, a seconda del modo in cui guarda l’immagine. Tutti dovrebbero vedere i quattro puntini nella linea centrale, è però praticamente impossibile riuscire a vedere insieme anche i quattro in alto e i quattro in basso.

illusione-ottica

Succede perché gli esseri umani sono piuttosto scarsi quando si tratta di visione periferica, quella che serve a vedere le cose “ai bordi”. Per sopperire a questa cosa il nostro cervello tende in certi casi a provare a indovinare cosa c’è ai bordi in base alle informazioni a sua disposizione. Qui le informazioni sono qualcosa del tipo: “tante linee grigie che si incrociano su sfondo bianco”, “sarà così anche ai bordi”. Ci sono però anche persone che dicono di vederli tutti. Peter J. Cavan ha commentato il tweet scrivendo: «Mia moglie li vede tutti e 12 senza problemi. È per caso una strega? Per favore, fatemi sapere».

Nuovo Flash