Il video di “Party Like A Russian”, il primo singolo del nuovo disco di Robbie Williams

Il video di “Party Like A Russian”, il primo singolo del nuovo disco di Robbie Williams

Robbie Williams ha diffuso il video di “Party Like a Russian”, il primo singolo estratto dal suo nuovo disco Heavy Entertainment Show, che uscirà il 4 novembre. Williams ha scelto di condividere il video su Facebook, invece che su YouTube, come succede di solito.

C’è una nuova canzone dei Radiohead

C'è una nuova canzone dei Radiohead

Questa settimana sono state spedite delle edizioni speciali del vinile di Moon Shaped Pool, l’ultimo disco dei Radiohead: insieme c’è un CD con dentro due canzoni che non sono presenti nel disco normale. “Spectre” è la colonna sonora per l’ultimo film di James Bond, poi non utilizzata, mentre “Ill Wind” è una canzone inedita. L’inizio è in stile bossa, poi entra la voce di Thom Yorke e i synth, e diventa una canzone dei Radiohead.

La misteriosa campagna per invitare i passeggeri della metro di Londra a chiacchierare

La misteriosa campagna per invitare i passeggeri della metro di Londra a chiacchierare

Da qualche giorno in alcuni punti della metropolitana di Londra sono state distribuite delle spillette con il logo della metropolitana e la scritta “Tube chat?” (“Chiacchierata sulla metro?”). Il cartoncino con cui è distribuita ciascuna spilla invita i passeggeri a chiacchierare fra loro e indossare la spilla per dimostrare il proprio interesse in una conversazione. La società che gestisce i trasporti a Londra – e che qualche settimana fa ha diffuso una spilletta simile, ma per le donne incinte, affinché vengano fatte sedere più facilmente – ha detto di non avere approvato l’iniziativa, e si è arrabbiata per l’uso non autorizzato del suo marchio. Non tutti i passeggeri hanno reagito positivamente, e qualcuno ha già creato delle prese in giro della campagna.

https://twitter.com/CopThatCooks/status/781555128025374720

BBC ha scoperto chi è la persona che ha ideato l’iniziativa: si chiama Jonathan Dunne, è americano e ha spiegato di aver pensato a Tube chat dopo il fallimento di un’iniziativa informale fra colleghi, per socializzare: «Le persone sono molto a disagio con le interazioni sociali di base, e non capisco se sia solamente una caratteristica di Londra». Secondo una stima di Dunne, «il 20 per cento [dei passeggeri] ha pensato che Tube chat sia una buona idea, mentre l’80 per cento crede che sia un’idea terribile, la peggiore di sempre».

Nuovo Flash