Non credete a tutto quello che leggete nei libri

Non credete a tutto quello che leggete nei libri

Su Twitter sta girando la registrazione di un’intervista alla scrittrice e giornalista statunitense Naomi Wolf su BBC Radio 3, durante cui Wolf ha dovuto ammettere di aver commesso alcuni gravi errori di ricerca scrivendo il suo ultimo libro. Wolf, diventata famosa nei primi anni Novanta con libri femministi, stava presentando Outrage, un libro dedicato alla storia della criminalizzazione dell’omosessualità. Una delle cose sostenute da Wolf nel libro è che intorno alla metà del diciannovesimo secolo – durante l’epoca Vittoriana – nel Regno Unito ci fu un aumento di condanne per omosessualità con diversi casi di pena di morte.

L’intervistatore, Matthew Sweet, a un certo punto dell’intervista spiega però a Wolf di aver controllato alcune di queste presunte condanne a morte e di aver scoperto che non erano mai avvenute. Wolf, spiega Sweet durante l’intervista, aveva interpretato male l’espressione giuridica “Death recorded” che significa letteralmente “morte registrata” ma che in quel periodo stava a indicare che la pena di morte era stata decisa – perché così prevedeva la legge – ma che non era stata eseguita.

Wolf reagisce alla notizia con sorpresa, mostrandosi però interessata a capire meglio la questione. Poi, promette di volersi occupare dell’errore e di volerlo correggere.

Il video di Banksy a Venezia (per la Biennale e contro le grandi navi)

Il video di Banksy a Venezia (per la Biennale e contro le grandi navi)

Banksy, probabilmente il più famoso street artist al mondo anche se non se ne conosce l’identità, ha pubblicato su Instagram il video di una sua performance a Venezia dove è in corso la Biennale, importante esposizione d’arte contemporanea che si tiene ogni due anni. Nel video si vede un uomo con sciarpa e cappello che monta un carretto in Piazza San Marco e sul quale posa un insieme di quadri. Su un cartello c’è scritto «Venice in oil». I quadri, tutti insieme, compongono un unico soggetto: una enorme nave da crociera che passa per il bacino di San Marco e il canale della Giudecca, un itinerario da anni molto criticato perché porta le grandi navi a passare vicino alla città. Si vedono poi dei turisti che osservano l’opera e due vigili che dicono all’uomo di andarsene perché non ha l’autorizzazione: «If you don’t have authorization you have to go». Nell’ultima scena, l’uomo che ha montato il cavalletto se ne va mentre alle sue spalle passa una grande nave.

Il video su Instagram è accompagnato da un testo che dice: «Sistemo il mio banchetto alla Biennale di Venezia. Nonostante sia l’evento artistico più prestigioso e importante del mondo per qualche ragione non sono mai stato invitato».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

. Setting out my stall at the Venice Biennale. Despite being the largest and most prestigious art event in the world, for some reason I’ve never been invited.

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

Un nuovo video di Stranger Things 3

Un nuovo video di Stranger Things 3

La terza stagione di Stranger Things uscirà su Netflix il prossimo 4 luglio, e quindi è già abbondantemente cominciata la campagna di promozione: lo scorso 20 marzo era uscito il primo trailer, mentre ieri è stato pubblicato un video intitolato L’estate a Hawkins che dura meno di due minuti ed è ambientato in una piscina pubblica di Hawkins, la città dove è ambientata la serie. Le protagoniste del video sono quattro signore, tra cui la signora Wheeler (la madre di Nancy), sdraiate a prendere il sole. A un certo punto c’è concitazione perché l’addetta al salvataggio finisce il suo turno e tutte sanno chi la sta per sostituire: Billy, il fratello di Max.

Il video finisce con un sospiro della signora Wheeler mentre guarda Billy sedersi alla sua postazione. La scena si riallaccia all’ultima puntata della seconda stagione, quando la signora Wheeler era andata ad aprire la porta a Billy in accappatoio e i due avevano flirtato in maniera abbastanza evidente (mentre il marito di lei era addormentato sulla poltrona).

Nuovo Flash