Il Masters di Augusta è iniziato con questo grande colpo

Il Masters di Augusta è iniziato con questo grande colpo

Il prestigioso Masters di Augusta, uno dei quattro tornei major del golf professionistico maschile, è iniziato lunedì in Georgia con le sessioni di pratica. In attesa della competizione vera e propria, lo spagnolo Jon Rahm Rodriguez ha messo a segno due hole-in-one in due giorni consecutivi: l’ultimo è già stato descritto come uno dei migliori hole-in-one mai visti su un campo da golf. Rahm ha infatti mandato la pallina in buca in un colpo solo facendole attraversare uno specchio d’acqua con tre rimbalzi. Tornata sul prato, ha corso ancora per qualche secondo sul green fino ad arrivare giusta in buca. Tutto questo è successo peraltro nel giorno in cui Rahm compie 26 anni.

Il bizzarro video del ciondolo che proteggerebbe dal coronavirus

Il bizzarro video del ciondolo che proteggerebbe dal coronavirus

Venerdì 6 novembre, nel corso di un’audizione informale alla Camera presso la Commissione Affari Costituzionali in materia di sicurezza e immigrazione, sono intervenuti alcuni rappresentanti di sindacati della Polizia di Stato e dei sindacati della Polizia penitenziaria. Tra questi c’era anche Giuseppe Tiani, segretario nazionale del sindacato di polizia SIAP, nonché presidente di InnovaPuglia, l’agenzia regionale che si occupa della gestione dei grandi appalti.

Nel corso della sua audizione, dopo aver parlato delle misure per contenere l’immigrazione clandestina e rafforzare il ruolo della polizia penitenziaria, Tiani ha parlato della pandemia da coronavirus e ha mostrato un ciondolo che portava al collo, sostenendo che potrebbe essere dato in dotazione ai poliziotti per non venire contagiati dal virus. Il video sta circolando molto su Internet. Ed è evidente che non c’è nessuna prova scientifica che quel ciondolo possa contrastare il coronavirus.

«Oggi porto al collo un micro purificatore d’aria che costa 50 euro. Questo micro purificatore d’aria di tecnologia israeliana per un metro cubo attorno alla persona che lo indossa genera cationi che inibiscono qualsiasi virus abbia segno positivo. È tecnologia che andrebbe distribuita alle forze di polizia nel paese e a tutti i sanitari impegnati, perché questo ci darebbe una mano a fare più serenamente il nostro lavoro e soprattutto a combattere il virus con la tecnologia»

Per una ballerina “Il lago dei cigni” è indimenticabile, anche se ha l’Alzheimer

Per una ballerina "Il lago dei cigni" è indimenticabile, anche se ha l'Alzheimer

Sta girando sui social network il video di ex ballerina malata di Alzheimer che, ascoltando la musica di Il lago dei cigni di Pëtr Čajkovskij, se ne ricorda i movimenti e li riproduce, seduta sulla sedia a rotella. La donna si chiama Marta C. González: il video venne registrato nella residenza per anziani Muro de Alcoy di Valencia, in Spagna, un anno fa, ed è poi stato montato con le scene tratte da una coreografia simile di Yuliana Lopatkina che danza La morte del cigno, di Camille Saint-Saëns. González è morta nel 2019 e il video è stato diffuso sui social per ricordarla dall’associazione no profit Música Para Despertar, che utilizza la musica per aiutare i malati di Alzheimer a far riaffiorare i ricordi.

Secondo alcuni studi, le persone malate di Alzheimer conservano i ricordi legati alla musica perché la parte del cervello predisposta alla memoria musicale è danneggiata solo in parte dalla malattia.

Nuovo Flash