Una scena di “L’insulto”

L’insulto è un film libanese (che il Libano ha scelto come candidato per l’Oscar al Miglior film straniero) diretto da Ziad Doueiri. È stato presentato qualche mese fa al Festival di Venezia, dove l’attore Kamel El Basha ha vinto la Coppa Volpi per il miglior attore, ed è nei cinema da oggi, mercoledì 6 dicembre. I protagonisti sono Toni, un libanese cristiano, e Yasser, un palestinese. Per un’apparentemente futile questione si mettono a litigare e finiscono in tribunale, dove il loro litigio – e l’insulto reciproco che si rivolgono – diventa «un caso nazionale, un regolamento di conti tra culture e religioni diverse». Boyd van Hoeij ha scritto sull’Hollywood Reporter che L’insulto «è un film molto politico ma anche personale, perché parla di due uomini che finiscono muso contro muso ma anche delle donne che restano a raccogliere i pezzi. È girato in modo favoloso e recitato in modo classico».

Il litigio, per un tubo di scarico:

Il trailer: