I francesi che vogliono Obama presidente

I francesi che vogliono Obama presidente

Quattro abitanti di Parigi trentenni hanno progettato una campagna elettorale – finta – per eleggere l’ex presidente statunitense Barack Obama come prossimo presidente francese, alle elezioni che si terranno tra aprile e maggio. La campagna ha raccolto quasi 50mila firme online, e per le strade di Parigi sono stati attaccati circa 500 manifesti. La campagna, hanno spiegato gli ideatori a BuzzFeed, è nata come scherzo, dovuto al fatto che il partito socialista ha poche o nessuna possibilità di vincere alle prossime elezioni, alle quali arrivano da favoriti il centrista Emmanuel Macron, il repubblicano Francois Fillon e la candidata del Fronte Nazionale Marine Le Pen. L’obiettivo della campagna, piuttosto ottimista, è di raggiungere un milione di firme entro il 15 marzo, per dimostrare «che è ancora possibile votare per un presidente e non contro un candidato. Perché in un momento in cui la Francia si prepara a un voto di massa per l’estrema destra, possiamo ancora dare una lezione di democrazia al pianeta eleggendo per la Francia un presidente straniero». Lo slogan della campagna, «Oui on peut», è il francese per «Yes, we can», famoso slogan della campagna del 2008 di Obama.

Fai come se fossi a Casa Bianca tua

Fai come se fossi a Casa Bianca tua

Da diverse ore sta circolando una fotografia scattata nello Studio Ovale della Casa Bianca, a Washington, durante un incontro tra il presidente americano Donald Trump e diversi leader dell’organizzazione Historically black colleges and universities (HBCU), che riunisce università e college istituiti principalmente per garantire l’educazione ai neri degli Stati Uniti. La foto è stata molto ripresa e commentata a causa della posa assunta da Kellyanne Conway, ex dirigente della campagna elettorale di Trump e oggi sua importante consigliera alla Casa Bianca: Conway, che risalta anche perché nella foto è l’unica donna bianca e bionda, è seduta sul divano dello Studio Ovale con le gambe raccolte sotto di sé (in un’altra foto si vede che ha le scarpe), in una posa che sembra molto informale. In diversi hanno parlato di uno scarso rispetto delle istituzioni, altri hanno sottolineato come anche Obama fosse stato ritratto diverse volte in pose informali nello Studio Ovale (certo, lui era il presidente).

Donald Trump,Reince Preibus,Kellyanne ConwayKellyanne Conway seduta sul divano dello Studio Ovale della Casa Bianca durante un incontro tra il presidente Donald Trump e i leader dell’Historically Black Colleges and Universities (HBCU). (AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

Il Washington Post ha ridimensionato un po’ le polemiche, mostrando come in realtà Conway – che comunque resta un personaggio molto controverso dell’amministrazione Trump – si stesse preparando per fare una fotografia ai presenti.

Le cose che può fare il nuovo robot di Boston Dynamics

Le cose che può fare il nuovo robot di Boston Dynamics

Le mostra un nuovo video diffuso dalla società di robotica americana, che contribuisce a quel presentimento che i loro robot presto ci uccideranno tutti.

Nuovo Flash