Giorgia Meloni si è lamentata della Camera deserta, ma pare che avesse sbagliato piano

Giorgia Meloni si è lamentata della Camera deserta, ma pare che avesse sbagliato piano

Giovedì la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha pubblicato sui social network una foto in cui è sola nel Transatlantico, il grande corridoio fuori dall’aula della Camera dei Deputati, a Montecitorio, accompagnandola con la didascalia:

«Ops, transatlantico deserto. Perché oggi non si vota e a chi manca non decurtano lo stipendio e non viene segnata come assenza. Tutti a casa di giovedì i moralizzatori grillini? Dai mi sento sola venite a farmi compagnia, assenteisti! Capito perché il M5S ha bocciato la proposta di Fratelli d’Italia per fare timbrare il cartellino ai parlamentari?»

Come dice il sito della Camera, e come gli è stato fatto notare su Instagram dal deputato Paolo Giuliodori del Movimento 5 Stelle, giovedì l’aula della Camera non era stata convocata, in assenza di votazioni. Per trovare i suoi colleghi, quindi, Meloni avrebbe dovuto andare ai piani superiori, dove ci sono le aule delle commissioni, diverse delle quali erano riunite per lavorare. Giuliodori ha anche ricordato che Meloni è in cima alla classifica dei deputati più assenteisti: ha saltato quasi il 79 per cento dei voti, presenziando soltanto a poco più del 5 per cento (nel 16 per cento dei casi era in missione), secondo i dati di Openpolis. Ad aver fatto più assenze di lei ci sono solo i deputati Antonio Angelucci, Marco Martinelli e Francantonio Genovese, tutti e tre di Forza Italia.

Meloni ha poi provato a giustificare il suo post scrivendo che i deputati del M5S avevano ammesso di andare in Parlamento soltanto quando ci sono delle votazioni, mentre lei ci va in «quasi tutti i giorni, anche se non si vota. A lavorare».

Il trailer di “Pinocchio”, di Matteo Garrone e con Roberto Benigni

Il trailer di "Pinocchio", di Matteo Garrone e con Roberto Benigni

È online il trailer di Pinocchio, il film tratto dal celebre romanzo di Carlo Collodi Le avventure di Pinocchio. Il film è diretto da Matteo Garrone e Pinocchio è interpretato da Federico Ielapi. Suo padre Geppetto è interpretato da Roberto Benigni (che aveva a sua volta interpretato Pinocchio in un film del 2002 di cui era anche regista) e nel cast ci sono anche Gigi Proietti, Rocco Papaleo, Massimo Ceccherini e Marcello Fonte, il protagonista di Dogman, l’ultimo film di Garrone. Pinocchio uscirà nei cinema italiani il 19 dicembre.

Carlo Ancelotti ha avuto qualcosa da dire sul VAR

Carlo Ancelotti ha avuto qualcosa da dire sul VAR

Durante l’incontro organizzato martedì a Roma tra arbitri, allenatori e dirigenti del campionato italiano, l’allenatore del Napoli Carlo Ancelotti ha discusso del VAR con l’ex arbitro Nicola Rizzoli, designatore della Serie A. Ancelotti è intervenuto criticando gli errori commessi dagli addetti alla revisione arbitrale, che secondo lui con i loro pareri influenzano le decisioni degli arbitri in campo, soprattutto quando questi non sono molto esperti. Secondo Ancelotti, in episodi controversi il VAR non dovrebbe esprimere pareri, ma solo fornire gli strumenti per aiutare la decisione dell’arbitro. Rizzoli ha risposto dicendo di essere totalmente d’accordo ma ha anche invitato tutti ad avere sempre la certezza che siano gli arbitri in campo a dirigere le partite, e non il VAR.

Nuovo Flash