Fate quello che non potete fare

Fate quello che non potete fare

Il videomaker statunitense Casey Neistat, famoso soprattutto per il suo popolare canale su YouTube, ha pubblicato un video motivazionale (uno di quelli che dicono che se ci crediamo davvero possiamo fare di tutto) che parte da una premessa: “fate quello che non potete fare”. Cioè: fate quello che la gente vi dice che non potete fare, perché non siete abbastanza ricchi, capaci o belli. Neistat racconta quindi brevemente la sua storia, e quella di molti altri Youtuber (o artisti, creativi, tipi strani e interessanti con un canale YouTube) che hanno fatto cose strane ma efficaci. Per esempio: «Non potete avere un vostro talk show ma potete avere una webcam» usarla bene, farvi notare e finire per intervistare il presidente degli Stati Uniti (proponendogli di aprire un canale YouTube). Tutto quello che serve, dice Niestat, è uno smartphone, una connessione a internet e una buona idea (una storia da raccontare, qualcosa da dire). Su YouTube, nel sommario del video, c’è il link a tutti i canali YouTube mostrati o citati nel video.

L’inno della Champions League urlato dal San Paolo, fortissimo

L'inno della Champions League urlato dal San Paolo, fortissimo

Ieri sera a Napoli si è giocata la partita di Champions League Napoli-Real Madrid, vinta poi 3 a 1 dal Real. Allo stadio San Paolo c’erano circa 56mila spettatori e la partita ha registrato il terzo miglior incasso nella storia del calcio italiano. Era da tempo che lo stadio San Paolo non veniva riempito quasi del tutto: il risultato è stato che l’inno della Champions League è stato cantato da moltissime persone, forte come probabilmente non era mai successo prima.

Il nuovo proprietario del Palermo si è tatuato lo stemma della squadra sul petto

Il nuovo proprietario del Palermo si è tatuato lo stemma della squadra sul petto

Questa mattina, allo stadio Renzo Barbera di Palermo, c’è stata la conferenza stampa di presentazione del nuovo presidente del Palermo Calcio, Paul Baccaglini, che ha spiegato ai giornalisti presenti come si è sviluppata la trattativa con Maurizio Zamparini, presidente del club negli ultimi quindici anni, e ha chiarito i suoi progetti per il futuro della squadra, che nei prossimi mesi dovrebbe acquistare completamente. Prima di iniziare a lavorare nel mondo della finanza, Baccaglini, che ha 33 anni ed è italoamericano, è stato inviato della trasmissione di Italia 1 Le Iene, per cui ha girato diversi servizi. Come prevedibile, alla conferenza stampa di questa mattina c’era anche un inviato delle Iene, con cui ieri notte Baccaglini si è tatuato lo stemma del Palermo sul petto: al termine della conferenza, Baccaglini si è sbottonato la camicia per mostrarlo.

Nuovo Flash