Come hanno doppiato in Italia la scena “Hold the door” di Game of Thrones

Come hanno doppiato in Italia la scena "Hold the door" di Game of Thrones

OCCHIO, spoiler per chi non è in pari con Game of Thrones. 

Lunedì 29 maggio è andato in onda in Italia il quinto episodio doppiato in italiano della sesta stagione di Game of Thrones, su Sky Atlantic (la versione originale era stata trasmessa la settimana scorsa). Nell’episodio c’è un grosso colpo di scena: nell’ultima scena muore Hodor, un importante personaggio della serie, e si scopre l’origine del suo nome, che è “Hodor” anche nella versione italiana: nasce da un’abbreviazione dell’espressione inglese “Hold the door”, tieni la porta. Nell’ultima settimana, da quando cioè la puntata è andata in onda negli Stati Uniti, i fan italiani della serie si sono chiesti come avrebbero tradotto la scena nel doppiaggio italiano della serie (in qualche versione dei sottotitoli preparata dai fan era stata scelta l’espressione “tieni duro”). Alla fine per la versione ufficiale in italiano è stata scelta la frase “trova un modo”.

Trudeau in italiano: «CCIAO CARI AMICCI!»

Trudeau in italiano: «CCIAO CARI AMICCI!»

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha diffuso online un video in cui fa gli auguri all’Italia in vista della Festa della Repubblica, che questo 2 giugno celebra i 70 anni. Trudeau ha ricordato i legami tra Italia e Canada, i festeggiamenti che verranno organizzati nel paese, e la fortuna di vivere in un paese liberale e aperto alla diversità come il Canada, e all’inizio e alla fine del video ha anche pronunciato qualche parola in italiano.

(Le cose che Justin Trudeau sa fare: tirare di boxe, ballare, spiegare come funzionano i computer quantistici)

Zenbo è il primo inquietante robot per la casa di ASUS

Zenbo è il primo inquietante robot per la casa di ASUS

Ieri ASUS ha presentato Zenbo, una specie di piccolo robot che si muove dentro casa e che fa da assistente personale, come Echo di Amazon e Google Home. Zenbo si può spostare grazie a due ruote e una sfera, e la sua testa formata da uno schermo si può orientare automaticamente in varie posizioni per seguire chi lo sta utilizzando. ASUS dice che con Zenbo si possono cercare informazioni su Internet, ottenere ricette, farsi scattare fotografie, avviare telefonate, ascoltare la musica, guardare un video e inviare messaggi. A ogni comando, il robot risponde con una voce sintetica un po’ inquietante. Zenbo costa 599 dollari e sarà disponibile entro qualche mese.

Nuovo Flash