Potete comprare la casa di “Chiamami col tuo nome”, se avete almeno un milione e 700 mila euro da parte

Potete comprare la casa di "Chiamami col tuo nome", se avete almeno un milione e 700 mila euro da parte

È in vendita la casa in cui vive la famiglia di Chiamami col tuo nome il film candidato all’Oscar del regista italiano Luca Guadagnino. L’annuncio è stato pubblicato sul sito di House & Loft: la casa costa un milione e 700mila euro. Si tratta di «una villa nobiliare fortificata risalente al ‘500» ed è «circondata da un grande parco di due ettari, con piante secolari ed edifici minori annessi». È a Moscazzano, un paese di meno di mille abitanti, vicino a Crema. Il salone principale ha un affresco di Aurelio Busso, allievo di Raffaello. La casa ha una superficie di 1.400 metri quadrati, con sette bagni. Nel film si vedono diversi interni della casa – per esempio la sala con il camino e il pianoforte – e anche diversi esterni. Qualche mese fa Guadagnino – che è nato a Palermo ma vive da quelle parti – disse ad Architectural Digest di essere stato interessato a comprarla.

Un’occasione unica per tutti gli amanti di cinema e non solo.In vendita per House & Loft, la location del film…

Posted by House&Loft Luxury Living on Mittwoch, 14. Februar 2018

Lo chef Massimo Bottura ha cucinato al talk show di Jimmy Kimmel

Lo chef Massimo Bottura ha cucinato al talk show di Jimmy Kimmel

Lo chef italiano Massimo Bottura, tra i più famosi e importanti chef italiani, proprietario dell’Osteria Francescana di Modena, è stato ospite del Jimmy Kimmel Live, uno dei talk show più popolari degli Stati Uniti, condotto su ABC da Jimmy Kimmel. Bottura ha cucinato tre piatti (un’insalata messicana, della pasta al pesto e un dolce alla banana) usando il cibo trovato nel frigo degli autori della trasmissione, particolarmente dozzinale e “americano”. Ma il risultato sembrava molto buono, stando a quanto hanno detto Kimmel e Guillermo Rodriguez, “tuttofare” messicano del programma.

Una coppia tedesca ha stabilito un nuovo punteggio massimo nel pattinaggio artistico

Una coppia tedesca ha stabilito un nuovo punteggio massimo nel pattinaggio artistico

Nella notte tra mercoledì e giovedì, alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang la coppia di pattinatori tedesca composta da Aliona Savchenko e Bruno Massot ha vinto la medaglia d’oro nel programma libero d’artistico stabilendo un nuovo punteggio record di 159,31. Savchenko (ucraina naturalizzata tedesca) e Massot (francese naturalizzato tedesco) erano quarti dopo il primo dei due segmenti di gara, ma l’esibizione pressoché perfetta nel programma libero ha permesso loro di superare le coppie che li precedevano e far vincere alla Germania una medaglia d’oro che nella disciplina mancava dal 1952. Al termine dell’esibizione, i due si sono buttati sul ghiaccio sorridendo e piangendo.

 

Sia per Savchenko che per Massot è la prima medaglia d’oro olimpica in carriera: per Savchenko è arrivata alla quinta edizione dei Giochi mentre Massot è alla sua prima partecipazione. La loro medaglia è stata inoltre l’ottava d’oro della Nazionale tedesca a Pyeongchang che gli ha superato il numero complessivo di ori vinti a Sochi quattro anni fa.

Nuovo Flash