La pubblicità di Checco Zalone per la ricerca sull’atrofia muscolare

L’attore comico Checco Zalone ha fatto da testimonial per una raccolta fondi di Famiglie SMA, l’associazione dei genitori di bambini e adulti affetti da atrofia muscolare spinale, in uno spot pubblicitario originalmente buffo nei confronti della malattia. L’atrofia muscolare spinale può essere più o meno grave e provoca la paralisi di alcuni muscoli, nei casi leggeri solo agli arti, in quelli più gravi può rendere difficile anche la deglutizione e l’alimentazione. Nello spot, Checco Zalone racconta di aver cominciato a donare alla ricerca sull’atrofia muscolare dopo essere diventato vicino di casa di un bambino affetto dalla malattia, Mirco, costretto a muoversi su una carrozzina motorizzata. Il personaggio di Zalone è infastidito da alcune abitudini di Mirco – come ad esempio giocare ai videogiochi ad alto volume nelle ore notturne, o fregargli il posto auto – ma tutto finisce per il meglio.

Fino all’8 ottobre si può fare una donazione a Famiglie SMA mandando un sms al numero 45599. L’obiettivo principale della campagna di raccolta fondi è permettere la distribuzione del primo farmaco salvavita per i pazienti con uno stadio più avanzato di atrofia muscolare spinale: sono circa 200 persone in Italia, soprattutto neonati e bambini. Questo farmaco, ottenuto grazie a una sperimentazione dell’azienda farmaceutica Biogen, non cura la malattia – che ha origine genetica – ma permette di prolungare la vita delle persone che ne sono affette. Il 29 settembre saranno comunicati i criteri di scelta delle persone che riceveranno il farmaco. Per questo spot, Checco Zalone ha recitato gratis.