BMW ha fatto una macchina col “nero più nero del mondo”

BMW ha fatto una macchina col "nero più nero del mondo"

BMW ha prodotto una versione della X6 coupé dipinta con il “vantablack”, una particolare vernice nera che ha la proprietà di assorbire il 99,965 per cento della luce, con il risultato di risultare nerissima e annullare riflessi e ombre, facendoci percepire come piatti anche oggetti tridimensionali.

Il vantablack è un composto di nanotubi di carbonio, cilindri microscopici formati dagli atomi di carbonio: le onde luminose restano intrappolate tra questi cilindri e rimbalzano dall’uno all’altro fino a quando vengono quasi completamente assorbite. Il colore è stato inventato dalla società britannica Surrey NanoSystems e se ne era molto parlato quando i diritti esclusivi per il suo utilizzo erano stati comprati dall’artista britannico Anish Kapoor. La BMW – chiamata BMW VBX6 – è stata però dipinta usando una variante del vantablack adatta ad essere spruzzata con un aerografo e che per questo non è tecnicamente la stessa vernice comprata da Kapoor. La BMW con il vantablack esiste in un solo esemplare e sarà presentata al salone dell’auto di Francoforte a settembre.

Il nuovo trailer di “Joker”, con Joaquin Phoenix

Il nuovo trailer di "Joker", con Joaquin Phoenix

È online un nuovo trailer di Joker, il film in cui il famoso antagonista di Batman è interpretato da Joaquin Phoenix. È diretto da Todd Phillips e tra i tanti altri ci recita anche Robert De Niro. Come fece notare Empire qualche mese fa, dopo l’uscita delle prime immagini, sembra «un dramma su un intenso personaggio, alla Martin Scorsese, più che un blockbuster sul personaggio di un fumetto». Il film è ambientato nel 1981 e racconta come un certo Arthur Fleck, un comico squattrinato di Gotham City, divenne Joker. Joker è in concorso al Festival del cinema di Venezia, dove sarà presentato il 31 agosto, e uscirà nei cinema italiani il 3 ottobre.

Il trailer in italiano

Il Fatto ha fatto un po’ di confusione fra i Johnson

Il Fatto ha fatto un po' di confusione fra i Johnson

Il Fatto di oggi ha in prima pagina la notizia della sospensione del Parlamento richiesta dal primo ministro britannico Boris Johnson. Il titolista però forse aveva in mente il Johnson sbagliato, visto che ha scritto “Ben” (peraltro omettendo il cognome, per ragioni di spazio): Ben Johnson è stato un noto velocista canadese, coinvolto in uno dei casi di doping più famosi dell’atletica leggera. Non è la prima volta che i giornali italiani confondono il primo ministro britannico con qualcun altro: nel 2007 la Stampa dedicò un articolo in prima pagina al tennista Boris Becker raccontando della sua intenzione di candidarsi a sindaco di Londra, quando invece nel Regno Unito si parlava proprio di Boris Johnson.

Nuovo Flash