“Bambino con la maglietta rossa, resisti”

"Bambino con la maglietta rossa, resisti"

Matteo Salvini ha partecipato a una nuova trasmissione di Raitre – “Alla lavagna” – il cui format prevede che una persona famosa del mondo della politica, della cultura o dello spettacolo dialoghi in classe con una classe di 18 studenti tra i 9 e i 12 anni (qui più informazioni sul programma e gli ospiti). Al termine della registrazione è stata scattata una foto di gruppo, poi diffusa sui social, e in molti hanno notato che un ragazzino – con la maglietta rossa, per giunta – sembra decisamente meno entusiasta degli altri.

Il trailer di “Santiago, Italia”: il documentario di Nanni Moretti

Il trailer di "Santiago, Italia": il documentario di Nanni Moretti

È online il trailer di Santiago, Italia: il documentario in cui Nanni Moretti racconta i mesi successivi al colpo di stato cileno del 1973, in cui il generale Augusto Pinochet prese il potere sostituendo Salvador Allende, che era stato democraticamente eletto. I militari fedeli a Pinochet attaccarono la Moneda, il palazzo presidenziale di Santiago del Cile, e Allende si suicidò. Il documentario parlerà in particolare di come l’ambasciata italiana a Santiago del Cile ospitò centinaia di richiedenti asilo la cui vita era a rischio dopo il colpo di stato militare, aiutando molti di loro ad arrivare in Italia. «Scappavano come scappano oggi dall’Africa», dice un uomo nel trailer.

Max Verstappen non ha preso bene il secondo posto in Brasile

Max Verstappen non ha preso bene il secondo posto in Brasile

È stato un Gran Premio del Brasile di Formula 1 abbastanza complicato per il giovane ed esuberante pilota olandese Max Verstappen. Si è concluso con un secondo posto che però poteva essere una vittoria e una sanzione pari a due giorni di lavori socialmente utili, per aver aggredito a fine gara il pilota francese Esteban Ocon. L’episodio che ha segnato la sua gara – la penultima del Mondiale – è accaduto al quarantaquattresimo giro, quando è stato fatto sbandare in pista da un contatto con la Force India doppiata di Ocon.

 

Ocon è stato penalizzato per il contatto con uno stop-and-go di dieci secondi mentre Verstappen ha perso definitivamente la testa della corsa, che ha concluso al secondo posto dietro il campione del mondo Lewis Hamilton. Rientrato nel paddock a fine gara, Verstappen ha raggiunto Ocon insultandolo e dandogli qualche spintone proprio davanti ai giudici e alle telecamere di Canal +.

 

Sul podio non è sembrato affatto contento, e dopo aver ricevuto i premi ha cercato subito di allontanarsi, anche se poi è dovuto tornarci per le foto di rito con gli altri due piloti sul podio, Hamilton e Kimi Raikkonen.

 

Nuovo Flash