35 anni fa un intruso riuscì ad arrivare fino alla camera da letto della regina Elisabetta

35 anni fa un intruso riuscì ad arrivare fino alla camera da letto della regina Elisabetta

Il 9 luglio del 1982 Michael Fagan – che allora aveva 33 anni ed era disoccupato e padre di quattro figli – divenne famoso perché riuscì ad arrivare di nascosto fino alla camera da letto della regina Elisabetta II, a Buckingham Palace, la residenza ufficiale a Londra della famiglia reale britannica. Secondo quanto raccontato da lui, Fagan aveva già provato a entrare una volta a Buckingham Palace circa un mese prima, riuscendoci. Una cameriera si era però accorta di lui, aveva dato l’allarme e lui era dovuto scappare.

Andò molto meglio la seconda volta, il 9 luglio 1982, 35 anni fa oggi: più o meno alle sette del mattino superò un muro alto più di quattro metri (con sopra alcuni spuntoni e del filo spinato) e, dopo aver vagato per qualche minuto per l’edificio, arrivò infine nella camera da letto della regina. Pare che riuscì a entrare perché in quel momento stava avvenendo il cambio tra le guardie che si occupano di presidiare la camera da letto della regina. Per anni si è creduto che, una volta arrivato, Fagan chiacchierò per alcuni minuti con la regina; nel 2012 lui disse invece che la regina lasciò la stanza subito dopo che lui era entrato. L’Independent ha scritto che era «a piedi nudi, trasandato e anche un po’ brillo».

Fagan non fu arrestato ma finì per passare alcuni mesi in un istituto psichiatrico. Nel 1984 attaccò un poliziotto in un bar a Fishguard, in Galles, e nel 1987 fu segnalato per atti osceni in luogo pubblico (pare stesse correndo nudo per una strada di Londra). Dieci anni dopo fu arrestato e condannato a quattro anni di carcere per traffico di droga.

Da che lato della strada si guida, in tutto il mondo

Da che lato della strada si guida, in tutto il mondo

Negli ultimi giorni sta girando su Reddit una mappa che mostra da che parte si guida in tutti i paesi del mondo: è stata compilata qualche settimana fa dal sito Statista. In blu ci sono quelli, come l’Italia, in cui si guida tenendo la destra: sono più di 160 paesi, in cui vivono circa due terzi della popolazione mondiale. Gli altri paesi, quelli in arancione, sono quelli in cui si guida “all’inglese”, tenendo cioè la sinistra. Si tratta per la maggior parte di ex colonie britanniche e i paesi europei in cui si guida tenendo la sinistra sono Regno Unito, Irlanda, Malta e Cipro. Se dopo la mappa volete capire meglio perché è successa questa cosa (e come hanno fatto certi paesi come le isole Samoa nel 2009 o la Svezia nel 1967 a cambiare lato di guida), ne abbiamo parlato qui: c’entrano i cavalli, Napoleone e Hitler, tra le altre cose.

Ivanka Trump ha preso il posto di suo padre a un incontro del G20

Ivanka Trump ha preso il posto di suo padre a un incontro del G20

Ivanka Trump – figlia e consigliera ufficiale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump – ha preso brevemente il posto di suo padre durante un incontro con altri capi di stato, al G20 di Amburgo, in Germania. Ivanka Trump ha preso il posto del padre quando lui si è allontanato per un incontro bilaterale, e si è seduta tra il presidente cinese Xi Jinping e la prima ministra britannica Theresa May. Vicino a loro c’erano anche il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e la cancelliera tedesca Angela Merkel. La foto che sta circolando in queste ore è stata scattata e condivisa su Twitter dalla funzionaria russa Svetlana Lukash, che poi l’ha rimossa.

Bloomberg ha scritto, citando come fonte un funzionario presente in quel momento, che finora Ivanka Trump ha preso il posto di suo padre in due occasioni, senza mai prendere parola. Ivanka si è seduta mentre si stava parlando di Africa e di migranti. Bloomberg ha anche precisato che i leader mondiali presenti al G20 possono farsi accompagnare ad alcuni degli incontri e che anche altre persone, per alcuni minuti, sono solite prendere il posto di alcuni leader. La scelta di Trump di farsi sostituire da sua figlia è comunque parecchio inusuale.

Nuovo Flash