Chi c’era al dal Verme

Mai visti tanti berlusconiani incazzati, ma incazzati davvero, persino sin troppo genericamente incazzati. Giuliano Ferrara sino a venerdì sera temeva che i millecinquecento posti del Teatro Dal Verme rimanessero sguarniti, poi ecco che il cordone di polizia alle 10 e 30 era già costretto a tener fuori un sacco di gente – incazzata – e persino qualche giornalista ritardatario. Questa volta non era una di quelle festicciuole del Foglio volutamente minoritarie e snob, una di quelle provocazioni di minoranza sedute narcisisticamente dalla parte del torto: Ferrara si è affacciato a un popolo più berlusconiano di lui, più incazzato di lui, qualcosa che dissolveva quell’aura improbabile che spesso circonda le manifestazioni di centrodestra che si vorrebbero «di popolo». Perché quello, piaccia o meno, era un popolo: militante, passionale, «leghista» senza esserlo, con Libero o Il Giornale o Il Foglio sotto il braccio, con appunti, volantini, bandierine – mutande, talora – e ciascuno a inveire a modo suo. Chi si scagliava contro Fini «traditore», chi contro Di Pietro, chi naturalmente contro i giudici, chi a esibire cartelli irriportabili (dove «porco» e «maiale» erano i sostantivi ricorrenti) e a spiegarti che veniva dalla Svizzera o da Gorizia o da Taranto, e a che fare? A ripetere che era incazzato, ma non come al solito, non come altre volte: di più. E non c’era quel compiacimento beota di chi si ritrova affiancato a dei volti televisivi, c’erano persone che sfruttavano un’opportunità per far sapere che c’erano e che erano stufi marci, persino spaventati, a tratti. Non c’era nessuna differenza tra chi il giorno prima aveva manifestato davanti al palazzo di Giustizia e chi invece era lì adesso, non c’era distinguo percepibile – Ferrara se ne è accorto subito – tra una presunta linea ferrariana e una presunta linea di Daniela Santanché, seduta in prima fila e non a caso omaggiata dall’Elefantino. Così come fregava tutto sommato a pochi – nessuno se ne prenda a male – del messaggio più autenticamente raffinato della manifestazione, la provocazione «kantiana» contro il puritanesimo, i mutandari «unfit to lead Italy», la risposta culturale al popolo viola o del Palasharp: c’era semplicemente un sacco di gente disposta a tutto pur di difendere Berlusconi, tenersi Berlusconi, soprattutto non abbandonare Berlusconi quando l’alternativa è quella che è. C’è stato un solo e vero momento di gelo, ieri mattina: è stato quando Piero Ostellino, il corsivista del Corriere, ha detto che in caso di condanna Berlusconi però dovrebbe lasciare.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.