Che cos’è questa foto?

Se vi piacciono le vecchie foto, l’archivio online della Library of Congress è uno dei posti migliori dove passare il vostro tempo. La biblioteca – che si trova a Washington D.C. ed è la più antica istituzione culturale degli Stati Uniti – è la più grande al mondo, con milioni di libri, mappe, manoscritti, video, registrazioni e fotografie: nel 1994 ha iniziato a digitalizzare parte del suo materiale, che ora si può guardare e ascoltare gratuitamente online, e riprodurre liberamente.

Tra i numerosi album fotografici pubblicati su Flickr dalla Library of Congress ce n’è uno intitolato “Mystery Photos — What’s the Story?” e che, come suggerisce il titolo, è piuttosto curioso e interessante. Raccoglie 20 fotografie realizzate dallo studio Harris & Ewing di Washington, completamente prive di didascalie. Si tratta di immagini di cui non sappiamo quasi niente – dall’autore alle persone ritratte – e che mostrano spesso scene insolite, come un gruppo di uomini vestiti da donna, con in mano ossa giganti o mentre riprendono il crollo di un palazzo (sarà vero o sarà la scena di un film?). Tra le poche cose certe che si conoscono ci sono il luogo, Washington appunto, e la data, un periodo compreso tra il 1905 – anno in cui venne aperto lo studio fotografico – e il 1945. La Library of Congress ha invitato i suoi lettori a scoprire qualcosa di più su queste foto misteriose o perlomeno a immaginare le storie che in qualche modo continuano a raccontare.

La Library of Congress possiede un archivio di circa 70 mila negativi provenienti da Harris & Ewing, quasi tutti accompagnati da minuziose didascalie. Lo studio venne aperto dal fotografo George Washington Harris insieme alla socia in affari Martha Ewing, che se ne andò nel 1915: era stato l’allora presidente Theodore Roosevelt a suggerire a Harris l’idea di una sorta di agenzia fotografica, che fornisse ai giornali locali immagini sulle cose che succedevano e le persone che contavano nella capitale. Giornali e riviste dell’epoca hanno utilizzato abbondantemente le immagini dello studio: spesso sono l’unico modo per avere qualche informazione sulle immagini anonime. Tutte le fotografie di Harris & Ewing messe online dalla Library of Congress si possono guardare qui, dove si trovano di tanto in tanto altre immagini senza didascalie.