Album fotografico di questa legislatura

Tre governi e una pandemia dopo, sono molti i momenti che hanno fatto la storia di questi travagliatissimi cinque anni (quasi)

Caricamento player

La diciottesima legislatura della storia italiana repubblicana si concluderà ufficialmente quando si insedierà il nuovo parlamento, una ventina di giorni dopo le elezioni. È iniziata nel 2018, e in mezzo si sono succeduti tre governi, due guidati da Giuseppe Conte e uno da Mario Draghi, c’è stata una pandemia e Sergio Mattarella è stato rieletto presidente della Repubblica. I partiti sono cambiati moltissimo: all’inizio della legislatura il Movimento 5 Stelle era nel momento di maggiore popolarità della sua storia, mentre ora è probabilmente nel punto più basso. A destra la Lega è stata superata come primo partito da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, dopo che fino al 2019 i consensi di Matteo Salvini erano continuati a crescere e la sua leadership sulla coalizione non sembrava poter essere messa in discussione. Il Partito Democratico ha cambiato tre segretari e subìto diverse scissioni, cosa non nuova. E poi ci sono le leggi che sono o non sono state approvate, dai decreti sicurezza di Salvini al ddl Zan.

25/9