(Uno screenshot da TikTok)

C’è un modo molto facile per stringere i jeans

I bottoni istantanei costano poco e sono facili da applicare, ma deve piacere l'effetto "criss cross"

(Uno screenshot da TikTok)

Qualche giorno fa lo storico marchio di jeans Levi’s ha pubblicato su Instagram un breve tutorial che mostra come stringere un paio di jeans troppo larghi ottenendo come risultato una patta dall’aspetto asimmetrico e incrociato, che ha definito in inglese crisscross-denim look. Il tutorial di Levi’s richiede diversi passaggi e strumenti – tra cui una macchina da cucire –, ma un risultato simile si può ottenere più facilmente usando questi “bottoni istantanei” acquistabili online, e basta.

La redazione di Wirecutter, l’autorevole sito di recensioni del New York Times, ha testato i bottoni istantanei recentemente concludendo che sono una valida soluzione per chi è soggetto a frequenti oscillazioni di peso e non vuole avere diverse paia di jeans (ma anche di altri pantaloni) per ogni taglia. Sulla bellezza del risultato ci sono pareri contrastanti: il video di Levi’s ha ricevuto molti commenti negativi, ma i criss cross jeans sono stati sdoganati da diverse celebrità l’estate scorsa e alcuni marchi li vendono già così.

Elissa Sanci, la giornalista di Wirecutter che ha recensito i bottoni istantanei, li ha scoperti su TikTok: da quando è uscito, poco più di un anno fa, questo video fatto da un’utente che stringe i jeans in vita usando un bottone acquistato su Amazon è stato visto più di 5 milioni di volte. Il video durava 30 secondi, cosa che fa capire che parliamo di aggeggi piuttosto facili da utilizzare.

@xoxcici

Reply to @_nataliecullen #greenscreen AMAZON finds! Button pins 🙂 #fashion #diy #ootd

♬ original sound – xoxcici

Sanci, che tende a ingrassare d’inverno e dimagrire d’estate, ha scritto che con i bottoni istantanei è riuscita a evitare di comprare nuovi pantaloni o spendere soldi in aggiustamenti sartoriali. Ma gli stessi bottoni possono tornare utili anche a quelle persone a cui i pantaloni che stanno bene sulle gambe stanno sempre troppo larghi in vita o più in generale a chi ha dei jeans troppo larghi a cui non vuole rinunciare.

Su Amazon se ne trovano in due misure: da 17 e da 20 millimetri di diametro. Una confezione da 30 bottoni di tre colori costa sui 10 euro: se non avete così tanti pantaloni da stringere, potete sempre attaccarli ai lati di un cappellino o ai paraorecchie del casco da sci per farci passare gli elastici della mascherina, come ha scritto in una recensione un utente di Amazon.

I bottoni istantanei sono fatti come piccole spille di ottone, con una parte davanti dalla classica forma di bottone di jeans e una parte dietro a forma di chiodo, che la “chiude”. Per fissarli ai jeans quindi basta posizionare la parte dietro dove si desidera (più o meno lontano dalla cerniera in base a quanto si vuole stringere i jeans) e poi fissarla bucando il tessuto e avvitandoci la parte davanti. Sanci ha scritto che questo meccanismo di avvitamento fa sì che il bottone rimanga al suo posto e non si corra il rischio di rimanere coi pantaloni slacciati a metà giornata. Su Wirecutter il processo di fissaggio del bottone viene descritto come ostico, ma le recensioni degli acquirenti di Amazon dicono che è molto facile. Nella confezione inoltre è incluso un cacciavite che può servire anche come punteruolo per fare il buco.

Mettendo il bottone a poca distanza da quello originario è probabile che l’effetto criss cross non si noterà neanche, come nel caso del video di TikTok. Dovendo stringere pantaloni molto più larghi della propria taglia invece il consiglio è quello di spostare il bottone più in basso (calcolando bene il punto giusto) e creare un effetto incrociato più evidente, come quello dei criss cross jeans che si trovano in commercio. In questo modo si eviterà un effetto troppo infagottato ma la zip dovrà rimanere aperta.

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.