• Italia
  • lunedì 29 Novembre 2021

La molestia in diretta alla giornalista Greta Beccaglia

Mentre era in collegamento fuori dallo stadio dell'Empoli un tifoso le ha tirato uno schiaffo sul sedere

Sabato la giornalista sportiva Greta Beccaglia è stata molestata in diretta televisiva da alcuni tifosi al termine della partita della Serie A di calcio Empoli-Fiorentina: un uomo le ha dato uno schiaffo sul sedere e altri due le hanno rivolto frasi sessiste, mentre stava parlando in collegamento con la trasmissione A tutto gol su Toscana Tv. Il video dell’episodio è circolato moltissimo nel weekend, attirando estese critiche, e manifestazioni di solidarietà nei confronti di Beccaglia.

È stato molto commentato e criticato anche il comportamento del conduttore della trasmissione Giorgio Micheletti, che dopo aver assistito alla molestia ha ripetuto a Beccaglia: «Dai, non te la prendere», aggiungendo che «si cresce anche attraverso questa esperienza». Micheletti ha poi detto: «Chiudiamola qui così, così per lo meno puoi reagire, se vuoi. Non in diretta, così ti permettiamo di reagire perché determinati atteggiamenti meritano ogni tanto qualche sano schiaffone che, se fosse stato da piccolo, li avrebbe fatti crescere meglio».

Beccaglia, dopo la reazione iniziale in cui aveva detto al molestatore che non poteva fare quello che aveva fatto, ha poi commentato l’accaduto sui social e in alcune interviste. Ha descritto più nei dettagli quello che le è successo. Ha detto che l’aggressore «prima si è sputato sulla mano e poi mi ha dato uno schiaffo sul sedere, forte, violento, che ha fatto male anche fisicamente» e che «dopo alcuni apprezzamenti osceni urlati da alcuni tifosi, un’altra persona, incappucciata, mi ha toccato le parti intime». Beccaglia ha poi commentato che quello che l’ha colpita di più è stata «l’indifferenza attorno a me. Tutti vedevano, nessuno diceva niente».

Beccaglia ha anche subito chiesto aiuto sui social per identificare il molestatore e ha spiegato di voler denunciare. Lunedì 29 novembre, scrive il Corriere Fiorentino, l’uomo che ha dato uno schiaffo sul sedere alla giornalista è stato identificato dalla polizia di Empoli, incrociando il video della diretta con quelli delle telecamere di sorveglianza dello stadio: è un tifoso della Fiorentina. La cronista, sempre secondo il Corriere, ha sporto denuncia per violenza sessuale.

L’episodio è stato ripreso e commentato anche da diversi politici. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Toscana, Giampaolo Marchini, ha anche criticato la reazione del conduttore: «Il conduttore ha invitato la collega a non prendersela. Verso di lei non è stata sentita nessuna parola di solidarietà da parte del conduttore». Micheletti, in serata, ha scritto: «Chiedo scusa per le parole infelici usate nel momento concitato della diretta di sabato. In quel momento il mio unico interesse era di essere di aiuto a Greta», ha detto spiegando di aver voluto provare a «evitare che potesse accaderle qualcosa di peggio». «Lo so, Giorgio ha sbagliato, non ha capito subito la gravità del gesto. Ma non crocifiggetelo, per me è come un babbo» ha chiesto Beccaglia.

La società dell’Empoli, in una nota, ha parlato di «un episodio increscioso che niente ha a che vedere con il mondo dello sport, e che non va assolutamente minimizzato». Il sito della Fiorentina ha invece inizialmente definito la molestia un «gesto stupido e incivile».