Un fermo immagine ripreso dalle telecamere di sorveglianza (ANSA)
  • Mondo
  • lunedì 15 Novembre 2021

A Liverpool è esploso un taxi in un attacco terroristico

Una persona è morta, un'altra è ferita e la polizia ha arrestato quattro uomini

Un fermo immagine ripreso dalle telecamere di sorveglianza (ANSA)

Domenica poco prima delle 11 è esploso un taxi di fronte a un grande ospedale di Liverpool, nel Regno Unito: è morta una persona e un’altra è in ospedale, dove si trova in condizioni stabili. Lunedì all’alba la polizia ha arrestato tre uomini sospettati di esserne i responsabili: hanno 21, 26 e 29 anni; è stato arrestato anche un quarto uomo, di 20 anni. La polizia ha detto che è stato un attacco terroristico.

Nell’attacco è morto il passeggero e si è salvato il conducente, che è uscito dall’auto poco prima che prendesse fuoco. Nella sera di lunedì, la polizia ha diffuso l’identità del passeggero: Emad al Swealmeen, di 32 anni. Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine sarebbe stato lui a causare l’esplosione, innescando un meccanismo esplosivo mentre si trovava nell’auto.

I quattro uomini sono stati arrestati per effetto del Terrorism Act (TA), la legge antiterrorismo britannica che dà alla polizia la possibilità di fermare, perquisire e trattenere fino a 14 giorni un sospettato nel caso in cui ci sia un ragionevole sospetto circa il suo coinvolgimento in attività terroristiche.

L’esplosione è avvenuta il giorno del Remembrance Sunday, una ricorrenza celebrata nel Regno Unito per ricordare i soldati uccisi in guerra, di fronte all’entrata del Liverpool Women’s Hospital, il più grande ospedale specializzato in ginecologia e ostetricia in Europa: cioè poco distante dalla cattedrale in cui si stavano tenendo le celebrazioni. Il conducente del taxi, David Perry, aveva fatto salire il passeggero a Rutland Avenue, nei pressi di Sefton Park, a circa 10 minuti di macchina dall’ospedale dove è avvenuta l’esplosione. Perry è rimasto ferito, ma non in modo grave: è già stato dimesso dall’ospedale.

Poco dopo le 18.30 di lunedì (ora italiana), agenti di polizia hanno affermato di aver effettuato un’esplosione controllata a Sefton Park, un parco pubblico a sud di Liverpool, a poca distanza dal Liverpool Women’s Hospital, nell’ambito dell’indagine sull’esplosione del taxi.