• Mondo
  • giovedì 30 Settembre 2021

Sono state uccise più di 100 persone in uno scontro tra bande in una prigione dell’Ecuador

Martedì c’è stato un violentissimo scontro tra bande rivali nella prigione di Guayaquil, nell’est dell’Ecuador, in cui sono state uccise più di cento persone: almeno cinque sono state trovate decapitate. Ci sono state delle sparatorie e c’è stato anche un lancio di granate. Per fermare gli scontri sono intervenuti più di 400 agenti: secondo le autorità ecuadoriane è stato il peggior scontro tra bande in carcere della storia del paese.

La lite è iniziata tra gruppi rivali della criminalità legata alla droga, secondo i media locali per ordine di potenti bande messicane che operano in Ecuador. Nelle prigioni di alcuni paesi latinoamericani, che sono quasi sempre sovraffollate, gli scontri mortali e sanguinosi fra bande sono frequenti, e iniziano per lo più per per ottenere il controllo delle strutture, usate spesso come centri di gestione dei traffici di droga e altre attività criminali.

– Leggi anche: I droni usati per portare oggetti nelle carceri

Un guardiano chiude un'entrata della prigione di Guayaquil, in Ecuador (AP Photo / Angel DeJesus)