• Mondo
  • domenica 26 Settembre 2021

Secondo i primi exit poll delle elezioni in Germania, centrodestra e centrosinistra sono praticamente pari

Secondo i primi exit poll pubblicati domenica immediatamente dopo la chiusura dei seggi in Germania, i due principali partiti, il Partito Socialdemocratico (SPD, centrosinistra) e l’Unione Cristiano Democratica (CDU, centrodestra) sarebbero in parità o comunque molto più vicini di quanto previsto dai sondaggi fino a pochi giorni fa. Domenica i tedeschi hanno votato per il rinnovo del parlamento, e di conseguenza per decidere chi diventerà il prossimo cancelliere tedesco al posto di Angela Merkel.

Gli exit poll vanno presi con molta cautela: sono il risultato di sondaggi fatti direttamente ai seggi, con campioni ridotti e che danno soltanto un’idea indicativa di quale sarà il risultato finale.

Secondo gli exit poll pubblicati da Infratest Dimap, entrambi i partiti sarebbero al 25 per cento dei consensi, mentre secondo altri sondaggi pubblicati dall’emittente ZDF l’SPD sarebbe in lieve vantaggio: 26 per cento contro 24. Fino a pochi giorni fa, i sondaggi davano un distacco di diversi punti in favore dell’SPD, il cui candidato, Olaf Scholz, era apparso più solido rispetto al suo avversario di centrodestra, Armin Laschet.

Tra gli altri partiti, secondo Infratest, i Verdi avrebbero ottenuto il 15 per cento dei consensi mentre il Partito Liberal Democratico (FDP) e i nazionalisti di Alternativa per la Germania sarebbero all’11 per cento ciascuno.

Se la parità tra SPD e CDU dovesse essere confermata dai risultati definitivi (che potrebbero arrivare tra qualche giorno), potrebbe risultare molto complesso creare una coalizione di governo. Sia i Verdi sia FDP, infatti, nel corso della campagna elettorale non hanno escluso la possibilità di entrare in coalizione tanto con il centrodestra quanto con il centrosinistra, e questo renderà le trattative estremamente difficili.

– Leggi anche: Guida rapida alle elezioni in Germania

Manifesti elettorali con Olaf Scholz (SPD), Annalena Baerbock (Verdi) e Armin Laschet (CDU) (AP Photo/Martin Meissner, File)