• Mondo
  • sabato 26 Giugno 2021

Qualcuno ha sparato contro l’elicottero del presidente della Colombia

Alcuni colpi di arma da fuoco hanno raggiunto l’elicottero che stava trasportando il presidente della Colombia, Iván Duque, lungo il confine con il Venezuela, insieme con i ministri della Difesa e dell’Interno e con il governatore del dipartimento di Norte de Santander. Nessuno a bordo è stato ferito e al momento non sono noti gli autori dell’attacco, che Duque ha definito «da codardi» aggiungendo di non essere spaventato «dalla violenza o da atti di terrorismo».

Secondo i media locali, Duque e le altre persone a bordo hanno sentito alcuni rumori metallici che sembravano provenire dal motore, mentre l’elicottero si preparava ad atterrare. Tra i sospettati c’è l’Esercito di Liberazione Nazionale, organizzazione rivoluzionaria marxista-leninista attiva in diverse aree della Colombia dagli anni Sessanta. È ritenuta un’organizzazione terroristica dalla Colombia, dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti.

I fori di proiettile sull'elicottero che trasportava il presidente della Colombia, Iván Duque (Cesar Carrion/Presidency of Colombia via AP)