• Mondo
  • venerdì 9 Aprile 2021

Kim Jong-un ha paragonato l’attuale crisi della Corea del Nord a quella provocata dalla terribile carestia degli anni Novanta

Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un ha paragonato la crisi economica che sta attraversando la Corea del Nord a quella provocata dalla terribile carestia che colpì il paese negli anni Novanta, e che uccise centinaia di migliaia di persone.

– Leggi anche: L’economia della Corea del Nord non andava così male da decenni

Nonostante Kim avesse già definito l’attuale crisi come la «peggiore di sempre», è la prima volta che viene fatto un paragone così diretto con la carestia della fine del secolo scorso, che coincise con il periodo più difficile della storia del paese: la carestia anticipò infatti la fine degli aiuti sovietici, che avevano caratterizzato gli anni della Guerra fredda, e una cattiva gestione delle emergenze provocate da diversi disastri naturali.

L’attuale crisi nordcoreana è stata causata soprattutto dagli effetti delle sanzioni internazionali, imposte a causa dei programmi nucleari e missilistici portati avanti dal paese, e dalla pandemia da coronavirus, che ha costretto il regime a chiudere i propri confini e rinunciare di fatto allo scambio di beni con la Cina, unica grande potenza che mantiene buoni rapporti con la Corea del Nord (si stima che nel 2020 il commercio tra i due paesi sia crollato dell’80 per cento rispetto all’anno precedente). Alcuni esperti citati da Associated Press hanno comunque detto che l’attuale crisi difficilmente porterà a un’altra carestia, anche perché la Cina farebbe di tutto per impedirlo ed evitare che migliaia di profughi nordcoreani tentino di superare il confine ed entrino in territorio cinese.

Le cose da sapere sul coronavirus

Kim Jong-un (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)