• Mondo
  • domenica 7 Febbraio 2021

Per la prima volta una donna, suor Nathalie Becquart, potrà votare nel Sinodo dei vescovi della Chiesa cattolica

La suora francese Nathalie Becquart è stata nominata da Papa Francesco come sottosegretaria del Sinodo dei vescovi, un’istituzione permanente che ha il compito di aiutare e consigliare il Papa nel governo della Chiesa cattolica. Suor Becquart sarà la prima donna ad avere diritto di voto nel Sinodo: è una grossa novità per la Chiesa cattolica, perché da quando fu istituito da Papa Paolo VI nel 1965, nel Sinodo avevano potuto votare esclusivamente i vescovi. Alcune donne nel corso degli anni erano state uditrici e avevano avuto la facoltà di intervenire nell’assemblea, ma mai di votare.

Suor Becquart è nata a Fontainebleau, in Francia, nel 1969: fa parte della congregazione delle missionarie saveriane e dal 2019 lavorava già per il Sinodo in qualità di consulente. Il Sinodo dei vescovi è composto da vescovi eletti dai loro pari, oppure nominati dal Papa, ma possono anche partecipare persone che non hanno la carica vescovile, e che sono invitate per le loro competenze. Oltre a suor Becquart, è stato nominato sottosegretario anche padre Luis Marín de San Martín.

– Leggi anche: Stanno per cambiare le parole della messa cattolica

Alcuni vescovi durante un'assemblea del Sinodo nel 2015 (LaPresse)