TikTok ha aumentato le limitazioni degli account dei minori di 16 anni

Il social network TikTok, usato soprattutto per la condivisione di video brevi, ha aumentato le limitazioni agli account dei minori di 16 anni per tutelarne la privacy. Le nuove regole fanno parte di un più generale pacchetto di misure sulla sicurezza e sulla privacy messe in atto da TikTok e saranno applicate a partire dal 13 gennaio.

Tutti gli account delle persone che hanno tra i 13 e i 15 anni (sotto i 13 non ci si può iscrivere) diventeranno privati, quindi ogni follower dovrà essere approvato prima di poter accedere ai contenuti condivisi dall’account. Inoltre, sugli stessi account i commenti non saranno più aperti a tutti: potranno commentare solo i followers approvati o, in alternativa, saranno gli stessi utenti sotto i 16 anni a stabilire quali “amici” possono commentare (su TikTok, gli “amici” sono gli account che si seguono a vicenda). In generale, nella sezione privacy, gli account di chi ha meno di 16 anni avranno disattivata la voce “suggerisci il tuo account agli altri”, che serve per pubblicizzare il profilo di una persona ai suoi contatti in rubrica, ai suoi amici di Facebook o ad altre persone che potrebbe conoscere.

Le funzioni “duetto” e “stitch”, che consentono di riutilizzare il video di un altro utente per creare il proprio video, non potranno essere più usate con gli account dei minori di 16 anni. Gli utenti di TikTok di 16 e 17 anni avranno invece le due funzioni attivate, ma solo nei confronti degli amici.

Su TikTok normalmente si possono scaricare i video di altri utenti per poterli condividere altrove: questa opzione sarà valida solo sui video degli utenti a partire dai 16 anni. L’opzione sarà comunque disattivata di default per i 16enni e i 17enni, che però potranno decidere autonomamente di attivarla.

Altre restrizioni riguarderanno la possibilità per chi ha meno di 16 anni di mandare messaggi o video live a chi ha più di 16 anni, così come la possibilità di scambiare regali virtuali tra queste due fasce di età. Sarà inoltre possibile per i genitori avere account collegati a quelli dei figli per avere maggiore controllo.

(Mario Tama/Getty Images)