• Media
  • lunedì 14 Dicembre 2020

L’archivio digitale della Stampa sarà mantenuto attivo dalla regione Piemonte

La Stampa ha annunciato che il proprio archivio online, disponibile gratuitamente dal 2010, a partire dal febbraio del 2021 sarà mantenuto attivo dalla regione Piemonte.

Nei giorni scorsi diversi studiosi e giornalisti si erano chiesti cosa ne sarebbe stato dell’archivio, dato che come molti altri database funziona grazie al plugin Flash Player, che a partire dal 2021 non sarà più aggiornato. La questione, come aveva spiegato anche un articolo di Mario Tedeschini Lalli, era resa ancora più complicata dal fatto che gli enti che avevano creato l’archivio oggi non esistono più.

La Regione, però, ha fatto sapere che trasferirà tutto l’archivio su un’altra piattaforma – se ne occuperà una società informatica controllata da regione, comune e università di Torino – e che «l’interruzione temporanea della consultazione è purtroppo un disagio necessario per proteggere un patrimonio archivistico storico e prezioso per la nostra regione e per tutta l’Italia».

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali