Un'otaria orsina della Nuova Zelanda osservata da bambini a Manly Beach, Sydney, Australia. La guardia forestale e i bagnini hanno poi istituito una zona limitata per evitare che i curiosi la importunassero (Cameron Spencer/Getty Images)

Weekly Beasts

Gli animali che si sono fatti guardare questa settimana, tra cui l'elefante Kaavan, che ha una storia particolare

Un'otaria orsina della Nuova Zelanda osservata da bambini a Manly Beach, Sydney, Australia. La guardia forestale e i bagnini hanno poi istituito una zona limitata per evitare che i curiosi la importunassero (Cameron Spencer/Getty Images)

Questa settimana si è molto parlato di un elefante in Pakistan: era stato soprannominato l’”elefante più solo del mondo” e da anni viveva in pessime condizioni nello zoo di Maragzar, a Islamabad. L’elefante si chiama Kaavan, ha 36 anni e dal 2012, dopo la morte di un’elefante femmina con cui condivideva lo zoo, era rimasto l’unico esemplare di elefante asiatico in Pakistan: le catene a cui è stato legato gli hanno lasciato cicatrici permanenti, era gravemente sovrappeso a causa di una dieta ricca di zuccheri e in passato aveva dato segni di squilibrio mentale dovuto alle privazioni a cui era sottoposto.

Nei giorni scorsi, grazie alla sentenza di un tribunale che a maggio ne ha ordinato il trasferimento, agli sforzi del gruppo di attivisti per i diritti degli animali Four Paws International (FPI) e all’interessamento della cantante Cher, è stato portato in Cambogia dove vivrà in condizioni migliori e in compagnia di altri elefanti.

Per tutti questi motivi Kaavan è nella raccolta degli animali che valeva la pena fotografare in settimana, insieme a momenti più leggeri e spensierati, come un orso polare che gioca in acqua, un’otaria orsina della Nuova Zelanda che si fa guardare da alcuni bambini in spiaggia e un gregge di pecore fotografato dall’alto.