• Italia
  • martedì 24 Novembre 2020

I dati sul coronavirus di oggi, martedì 24 novembre

Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati registrati 23.232 nuovi casi di contagio da coronavirus, e 853 decessi a causa del COVID-19. I ricoverati attualmente sono 38.393 (114 in meno rispetto a ieri), di cui 3.816 nei reparti di terapia intensiva (6 in più di ieri) e 34.577 negli altri reparti (120 in meno di ieri). Sono stati analizzati 188.659 tamponi e testate 95.247 persone. È risultato positivo il 12,3 per cento dei tamponi di cui è stato comunicato il referto. Ieri i contagi registrati erano stati 22.927 e i decessi 630.

La regione con più casi è stata la Lombardia (4.886). Seguono Lazio (2.509), Emilia-Romagna (2.501), Veneto (2.194), Piemonte (2.070) e Campania (1.764).

Le province in cui è stato accertato il numero maggiore di casi sono Roma (2.407), Milano (1.442), Torino (1.077), Varese (1.011), Bari (537), Modena (536), Cuneo (512), Vicenza (508) e Monza e Brianza (496).

Le cose da sapere sul coronavirus

Le principali notizie di oggi:

  • Testare 350mila persone in tre giorni e isolare i positivi al coronavirus, e poi andare avanti fino a mercoledì 25 novembre, negli ambulatori dei medici di famiglia e nelle farmacie: è il piano scelto dall’Alto Adige per uscire dall’epidemia entro metà dicembre. Un tentativo unico in Italia, con 184 punti aperti in tutti i 116 comuni, difficilmente replicabile in altre regioni. Ancora pochi giorni e si saprà se questa strategia ha funzionato, o è stato un azzardo. Da venerdì a domenica sono stati trovati 3.185 positivi, lo 0,9 per cento delle 343.227 persone che hanno partecipato alla campagna. Qui abbiamo spiegato nel dettaglio come l’Alto Adige ha deciso di andare da solo.
  • Il presidente del Piemonte Alberto Cirio ha presentato una proposta di legge regionale per la tassazione delle grandi aziende dell’e-commerce. La legge, che arriverà già oggi in consiglio regionale, dopo essere stata approvata dalla giunta, riguarda tutte le aziende con un fatturato globale di almeno 750 milioni di euro di cui 5,5 milioni in Italia. L’obiettivo del Piemonte è far diventare il provvedimento nazionale se almeno altri quattro consigli regionali lo condivideranno. La proposta prevede che la tassazione per le grandi aziende del web passi al 30 per cento, per tutto il periodo delle chiusure delle attività dovute alle restrizioni imposte dal governo.
  • Martedì il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza con cui vengono rinnovate le misure restrittive contenute nell’ordinanza del 10 novembre 2020 che inserivano Basilicata, Liguria e Umbria nelle cosiddette zone arancioni e la Provincia Autonoma di Bolzano in quella rossa. La nuova ordinanza sarà in vigore fino al 3 dicembre 2020

(ANSA/Vincenzo Livieri/ZUMA Wire)