• Media
  • giovedì 12 Novembre 2020

Il New Yorker ha licenziato il giornalista e commentatore Jeffrey Toobin, accusato di essersi masturbato durante una chiamata Zoom

Il New Yorker, una delle più famose riviste al mondo, ha licenziato il giornalista e commentatore Jeffrey Toobin, accusato di essersi masturbato durante una videochiamata su Zoom con altri colleghi. Toobin era stato sospeso a fine ottobre, e aveva detto pubblicamente di «aver commesso un errore imbarazzante e stupido». Il New Yorker non lo ha confermato esplicitamente, ma sia la sospensione sia il licenziamento di Toobin sarebbero riconducibili all’incidente.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali

Toobin è uno dei più noti analisti giuridici nei media negli Stati Uniti. Lavorava per il New Yorker da più di 25 anni ed era anche analista legale alla CNN. La chiamata durante la quale Toobin si sarebbe masturbato era un videoconferenza fra alcuni dipendenti del New Yorker e della WNYC, una radio di New York con cui stavano progettando un nuovo podcast.

(D Dipasupil/Getty Images for SAG-AFTRA Foundation)