Facebook rimuoverà i contenuti che negano l’Olocausto

Il social network Facebook ha annunciato di aver aggiornato il suo regolamento riguardante l’incitamento all’odio con il divieto di pubblicazione di qualsiasi contenuto che neghi l’Olocausto o ne alteri i fatti. Facebook ha motivato l’introduzione di queste nuove politiche alla luce di un «documentato aumento dell’antisemitismo a livello globale e di un allarmante livello di ignoranza sull’Olocausto, soprattutto tra i giovani». È stato specificato che l’applicazione delle nuove politiche non potrà avvenire «dall’oggi al domani», e che ci vorrà del tempo prima che i sistemi di monitoraggio e rimozione del social network entrino in funzione correttamente e a pieno regime. Nel frattempo, chi effettuerà ricerche sull’argomento verrà indirizzato verso «fonti autorevoli».

(Facebook)