• Mondo
  • venerdì 25 Settembre 2020

Il carnevale di Rio de Janeiro è stato posticipato a causa del coronavirus

La prossima edizione del celebre carnevale di Rio de Janeiro, in Brasile, è stata posticipata a causa della pandemia da coronavirus. Il carnevale di Rio, che è il carnevale più famoso al mondo e ogni anno viene seguito da milioni di persone, si tiene alla fine di febbraio.

Jorge Castanheira, il presidente della Lega indipendente delle scuole di samba di Rio de Janeiro, che organizza l’evento, ha detto che le scuole non avranno né il tempo, né le risorse per essere pronte in tempo per febbraio 2021. Inoltre, dal momento che non è ancora stato realizzato un vaccino, Castanheira ha detto ai giornalisti che «non c’è modo di organizzare un carnevale in sicurezza». Le autorità locali devono ancora decidere se anche le feste più piccole che solitamente si tengono in contemporanea alle sfilate ufficiali dovranno essere rimandate.

Il primo caso di coronavirus in Brasile venne riscontrato lo scorso 26 febbraio, un giorno dopo la fine del carnevale. All’inizio della pandemia nel paese il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha minimizzato i rischi della diffusione dei contagi ed è presto sembrato che la situazione del Brasile potesse essere peggiore rispetto a quella mostrata dai dati ufficiali. Attualmente il Brasile è il secondo paese per morti legate al coronavirus dopo gli Stati Uniti, dove i decessi accertati fino a oggi sono quasi 200mila. Dall’inizio dell’epidemia in Brasile sono stati accertati 4.591.604 contagi e oltre 138mila morti.

Una foto dal carnevale di Rio de Janeiro, in Brasile, il 24 febbraio 2020. (AP Photo/ Silvia Izquierdo)