• Mondo
  • lunedì 24 Agosto 2020

Almeno nove persone sono morte in un attentato a Jolo, nelle Filippine

Lunedì 24 agosto almeno nove persone sono morte, e molte altre sono rimaste ferite, in due esplosioni a Jolo, città del sud delle Filippine nella provincia di Sulu. La prima esplosione sembra essere stata causata da una moto carica di esplosivo; la seconda è avvenuta poco più tardi mentre la polizia stava isolando l’area.

Al Jazeera scrive che secondo le autorità locali le persone rimaste uccise sarebbero cinque soldati e quattro civili. Secondo AFP, invece, i morti sarebbero 10. Il capo della Croce Rossa filippina Richard Gordon ha dichiarato che le esplosioni sono avvenute attorno a mezzogiorno ora locale (le sei di mattina in Italia). L’ufficio della Croce Rossa si trova nella zona delle esplosioni.

L’attentato non è stato rivendicato. Le due esplosioni sono avvenute non distante dal luogo dove nel 2019, all’interno della cattedrale di Jolo, una bomba uccise più di 20 persone. Nella provincia di Sulu è attivo Abu Sayyaf, gruppo jihadista alleato dello Stato Islamico.

Un'immagine della cattedrale di Jolo colpita dall'attentato del gennaio del 2019 (WESMINCOM Armed Forces of the Philippines Via AP)