• Mondo
  • lunedì 10 Agosto 2020

A Hong Kong è stato arrestato l’editore Jimmy Lai per violazione della legge sulla “sicurezza nazionale”

Lunedì 10 agosto la polizia di Hong Kong ha arrestato l’editore e attivista democratico Jimmy Lai con l’accusa di aver violato la controversa legge sulla “sicurezza nazionale” approvata alla fine di giugno. L’azienda di Lai, Next Digital, pubblica Apple Daily, giornale spesso denunciato da notiziari e media statali cinesi come espressione delle idee democratiche ad Hong Kong.

Sui propri canali social il giornale ha trasmesso in diretta streaming le immagini delle perquisizioni effettuate lunedì mattina da oltre cento agenti di polizia nella propria sede. Nel video si vedono gli agenti sfogliare i documenti sulle scrivanie dei giornalisti mentre Lai viene ammanettato e arrestato. Jimmy Lai, che ha 72 anni, era indagato con l’accusa di collusione con un paese straniero.

Secondo Mark Simon, un dirigente di Next Digital, sarebbero stati arrestati anche i due figli di Lai. Secondo Simon anche diversi dirigenti della Next Digital sarebbero stati interrogati nelle loro case.

(AP Photo)