• Mondo
  • domenica 2 Agosto 2020

Un ex ministro britannico, di cui non è stata diffusa l’identità, è stato arrestato con l’accusa di stupro

Un ex ministro conservatore britannico e attuale parlamentare, di cui non è stato diffuso il nome, è stato arrestato sabato a Londra perché accusato di stupro e aggressione sessuale. La notizia è stata data da diversi giornali britannici, e anticipata dal Sunday Times. La donna che ha denunciato l’ex ministro lavorava al palazzo di Westminster, dove si trova il parlamento britannico, e ha detto alla polizia di avere subìto abusi e violenze in diverse occasioni. La polizia di Londra ha confermato di stare indagando sulla vicenda: ha detto che l’uomo ha tra i 50 e i 60 anni e ha aggiunto che i fatti denunciati risalgono al periodo compreso tra luglio 2019 e gennaio 2020. L’uomo è stato rilasciato su cauzione.

Secondo il Sunday Times, la donna avrebbe sostenuto di essere stata aggredita e forzata ad avere un rapporto sessuale, finendo anche in ospedale. Avrebbe inizialmente riferito le sue accuse a un parlamentare conservatore che avrebbe riferito la vicenda a Mark Spencer e Jacob Rees-Mogg, rispettivamente capogruppo dei Conservatori e leader della Camera dei Comuni. La donna avrebbe anche parlato direttamente con Spencer, senza però che venissero presi provvedimenti seri. Venerdì, infine, avrebbe denunciato i fatti alla polizia.

Palazzo di Westminster, a Londra (AP Photo/Kirsty Wigglesworth)