(ANSA / MATTEO BAZZI)
  • Italia
  • martedì 14 Aprile 2020

Il ministro Boccia vuole dalla scienza «certezze inconfutabili»

Alla domanda se l'Italia «fosse molto indietro con i test», il ministro ha ritenuto di prendersela con gli scienziati

(ANSA / MATTEO BAZZI)

Il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia è stato intervistato martedì dal Corriere della Sera sul tema della cosiddetta “fase 2”, quella in cui la popolazione italiana dovrà convivere con il virus e in cui si potranno riaprire gradualmente attività commerciali e produttive. Alla domanda se l’Italia «fosse molto indietro con i test», però, Boccia ha ritenuto di rispondere chiedendo alla comunità scientifica «certezze inconfutabili».

«Chiedo alla comunità scientifica, senza polemica, di darci certezze inconfutabili e non tre o quattro opzioni per ogni tema. Chi ha già avuto il virus, lo può riprendere? Non c’è risposta. Lo stesso vale per i test sierologici. Pretendiamo chiarezza, altrimenti non c’è scienza. Noi politici ci prendiamo la responsabilità di decidere, ma gli scienziati devono metterci in condizione di farlo. Non possiamo stare fermi finché non arriva il vaccino».