• Mondo
  • giovedì 26 Marzo 2020

Il principale partito di opposizione del Mali ha denunciato la scomparsa del suo leader Soumaïla Cissé

Il principale partito di opposizione del Mali, Unione per la Repubblica e la democrazia (URD), ha denunciato la scomparsa del suo leader Soumaïla Cissé. Cissé sarebbe scomparso con altre undici persone della sua delegazione, dice il partito, mentre stava conducendo la campagna elettorale in una regione centrale dove sono molto attivi i militanti jihadisti. Dal tardo pomeriggio di mercoledì, ha fatto sapere l’URD, Cissé non è più raggiungibile telefonicamente e l’ipotesi è che sia stato rapito. Il partito ha sollecitato il governo, le forze armate e la missione delle Nazioni Unite presente nello stato a mobilitarsi per rintracciarlo.

In Mali è stato dichiarato lo stato di emergenza sanitaria a causa del coronavirus. Il presidente Ibrahim Boubacar Keïta ha annunciato un coprifuoco notturno, valido in tutto il paese dalle 21.00 alle 5.00 del mattino. Tuttavia, ha detto che le elezioni legislative si terranno domenica 29 marzo, come previsto; erano già state rinviate più volte, a causa delle operazioni militari per contrastare i gruppi jihadisti.

Gao, Mali, 7 marzo 2017 (Alexander Koerner/Getty Images)