(ANSA/ANGELO CARCONI)

6 motivi per usare Satispay in questi giorni

Tra cui: fare la spesa senza toccare contanti o POS, pagare un bollettino restando sul divano e donare alla Protezione Civile

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Restare in casa il più possibile, come bisogna fare in questi giorni, complica la vita quotidiana in vari modi, pratici e psicologici: chi vive da solo soffre un po’ di solitudine, chi ha bambini a casa deve trovare un modo per intrattenerli, e chi non ha un balcone o un cortile a disposizione vede anche il marciapiede sotto casa come una meta desiderabilissima. Attraverso internet e i servizi online però l’isolamento è molto più affrontabile di quanto lo sarebbe stato, 30 anni fa. Abbiamo i servizi di streaming, quelli per ordinare la spesa e i pasti a domicilio, e le videochiamate, tra le altre cose. Anche i pagamenti, tra cui quelli di bollettini di multe e simili, sono molto più semplici e si possono fare dal divano: Satispay permette di farlo molto comodamente.

Satispay è un’app italiana per i pagamenti che permette di fare acquisti in moltissimi negozi e ristoranti usando il telefono, una volta collegato il proprio account a un conto bancario. In questi giorni può essere utile in vari modi – e inserendo il codice ILPOST si riceve un “bonus di benvenuto” di 5 euro.

Fare la spesa senza scambi di contanti o contatti con un POS
Nonostante le restrizioni e la necessità di limitare i contatti sociali, si può chiaramente uscire per fare la spesa. In alcuni supermercati si può però prendere una precauzione ulteriore, oltre a quella di tenersi a distanza dalle altre persone presenti e di non toccarsi il viso prima di essere tornati a casa ed essersi lavati le mani: nei negozi delle catene Esselunga, Pam e Naturasì si può pagare con Satispay. In questo modo si evitano i passaggi di contanti toccati da altre persone e non è nemmeno necessario appoggiare una carta di credito o lo smartphone al POS: si fa tutto tenendo in mano il proprio telefono.

Pagare i bollettini
Satispay si può usare per pagare i bollettini (quelli bianchi, quelli premarcati e quelli bancari, sia RAV che MAV) e gli avvisi della pubblica amministrazione: quindi non serve andare in posta – per quanto siano aperte, perché andarci quando si può evitare, in questi giorni più del solito – per pagare una multa che ci è arrivata. Per farlo bisogna andare nella sezione servizi e poi selezionare “pagoPA” o “Bollettini”. Basta inquadrare il bollettino per intero perché la app di Satispay riconosca i dati: non serve stare lì con qualcuno che detta i numeri di un IBAN. L’app si può usare anche per pagare i bolli di automobili e moto, nel caso a qualcuno servisse farlo in questi giorni. Il costo di ogni operazione di pagamento di un bollettino è 1 euro.

Risparmiare
Oltre che per fare pagamenti, Satispay si può usare come strumento per provare a mettere un po’ di soldi da parte. Stando sempre in casa le occasioni per spendere sono ridotte – se non si esagera con lo shopping online – e si può cogliere l’occasione per fissare una somma da mettere da parte ogni mese o ogni settimana per arrivare a comprarsi quella certa cosa costosa che si ha in una “lista dei desideri” da un po’ oppure per fare una vacanza, quando si potrà tornare a viaggiare in sicurezza.

Sempre da “Servizi”, sull’app di Satispay, si può accedere alla sezione “Risparmi” e creare un salvadanaio digitale: lo si può usare per raccogliere il resto di ogni acquisto fatto con Satispay arrotondato all’euro (per intenderci, se si pagano 5 euro e 30 si mettono da parte 70 centesimi di euro) o i cashback (un rimborso percentuale immediato che il cliente può ricevere subito dopo aver concluso un acquisto, in alcuni negozi), oppure per mettere da parte la stessa quantità di denaro ogni mese o ogni settimana. Si può anche fissare l’obiettivo a cui si vuole arrivare, che sia un monopattino elettrico, un impianto con giradischi da veri audiofili o l’arricciacapelli di Dyson.

Saldare un debito con gli amici
Le attuali restrizioni decise dal governo per limitare l’ulteriore diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2) dureranno fino al 3 aprile, ma può darsi che anche in seguito sarà meglio evitare la maggior parte delle occasioni di incontro con gli amici. Se qualcuno aveva un debito da saldare per una cena o un regalo di gruppo – che magari si sta organizzando proprio in questi giorni, per qualcuno che compie gli anni in questo periodo e che si vuole festeggiare comunque con un pacchetto spedito a casa – Satispay si può usare per scambiare piccole somme di denaro tra amici. Basta andare sulla rubrica dei propri contatti attraverso la app (si vedono tutte le persone presenti nella propria rubrica che hanno un account di Satispay) e poi indicare la somma da inviare.

Ricaricare il telefono
Questa funzione potrebbe essere utile a chi ha bisogno di ricaricare velocemente il proprio telefono o quello di un proprio caro dopo l’ennesima videochiamata di questi giorni. Satispay permette di ricaricare il credito di un numero di telefono, il proprio ma non solo (l’app accede direttamente alla rubrica dello smartphone su cui è installata quindi è tutto molto comodo), per le principali compagnie telefoniche e non solo: Vodafone, Tim, WindTre, Ho Mobile, CoopVoce, Fastweb, Tiscali, Poste Mobile, Digi Mobil, Lycamobile e 1Mobile.

Fare una donazione alla Protezione Civile
Da qualche giorno Satispay si può usare anche per contribuire a una raccolta fondi per la Protezione Civile: tutto il denaro raccolto sarà destinato al Servizio sanitario nazionale e in particolare all’acquisto di strumenti utili per contenere il contagio da SARS-CoV-2, come le mascherine che si usano negli ospedali. Per contribuire basta accedere alla sezione “Donazioni”, sempre da “Servizi”. Finora sono stati raccolti più di 600mila euro e nuove donazioni continuano ad arrivare.

***

Disclaimer: lo ripetiamo anche se probabilmente lo avevate già capito, questo è un articolo sponsorizzato e il Post ottiene un piccolo ricavo se decidete di provare l’app partendo da questo link e/o inserendo il codice promo ILPOST.