Come funziona il sapone

E perché è più che sufficiente per rimuovere il virus dalle nostre mani: un piccolo ripasso di chimica, insomma

Una delle indicazioni che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e le istituzioni italiane stanno diffondendo per contrastare la diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2) è lavarsi le mani spesso, a lungo e per bene, con acqua e sapone. Si può usare anche un disinfettante a base alcolica, nel caso non si abbia a disposizione l’acqua corrente, ma il sapone resta la scelta migliore perché fa benissimo il suo lavoro.

Le molecole di sapone, una volta in acqua, si comportano come ioni negativi e si possono considerare divise in due parti: una “coda” formata da atomi di idrogeno e carbonio (si chiama così per la sua struttura allungata) e una “testa” carica negativamente.

La coda è idrofoba, cioè respinge l’acqua, mentre la testa è idrofila: la sua carica negativa fa avvicinare gli atomi di idrogeno delle molecole d’acqua e fa sì che acqua e sapone si possano mescolare. A livello molecolare ciò che succede è che le molecole di sapone formano delle piccole sfere, dette micelle: la superficie esterna è costituita dalle teste idrofile delle molecole, mentre le code idrofobe stanno all’interno delle sfere, per “sfuggire” all’acqua.

Quando acqua e sapone entrano in contatto con altre sostanze, per esempio lo sporco che si accumula sulle mani, quello che succede è che lo sporco, in quanto sostanza grassa, viene inglobato nelle micelle. Le sostanze idrofobe sono generalmente anche lipofile, cioè si legano bene ai grassi: le code idrofobe del sapone circondano lo sporco, mentre le teste idrofile rimangono all’esterno delle particelle inglobate. Dato che continuano a stare bene con l’acqua, quando ci si risciacqua le mani sporco e sapone insieme se ne vanno.

Un modo semplice per osservare la creazione delle micelle si ottiene con un bicchiere, acqua, olio e detersivo per i piatti. Versando un po’ d’olio in un bicchiere d’acqua si vede bene come le due sostanze non si mescolano e l’olio rimane in superficie. Aggiungendo del detersivo per i piatti e mescolando si vede che l’olio continua a galleggiare sull’acqua, ma diviso in tantissime piccole sfere.

Come è fatta una micella (Wikimedia Commons)

Leggi anche: Come smettere di toccarsi la faccia

Lavarsi le mani fa andare via batteri e virus attaccati allo sporco che si è accumulato. I disinfettanti a base alcolica fanno una cosa diversa: rendono inattivi i virus. Non si può essere certi che funzionino bene se le mani sono molto sporche, per questo in quel caso è comunque meglio cercare un bagno con acqua corrente e sapone.