• Mondo
  • giovedì 27 Febbraio 2020

In Germania la Corte costituzionale federale ha dichiarato incostituzionale la legge che vietava il suicidio assistito

Mercoledì la Corte costituzionale federale tedesca ha stabilito che una parte della legge del 2015 che vietava il suicidio assistito è incostituzionale, rendendo la pratica nuovamente possibile in Germania. La legge era stata contestata da un gruppo di medici, pazienti e associazioni secondo cui violava il diritto costituzionale di prendere decisioni sulla propria vita. In particolare è stata messa in discussione e dichiarata incostituzionale la parte della legge pensata per evitare che associazioni e medici potessero ricavare profitti dal suicidio assistito.

A causa della legge negli ultimi anni molti tedeschi malati terminali sono andati in Svizzera e nei Paesi Bassi, dove il suicidio assistito da personale medico è legale. Fino al 2015 lo stesso tipo di servizio era fornito anche in Germania: dopo i medici che se ne occupavano avevano anche smesso di fornire informazioni in merito, per paura di essere multati o condannati al carcere – le pene previste dalla legge arrivano fino a 3 anni di carcere. La legge metteva in difficoltà anche i medici specializzati nelle cure palliative. La legge era già stata indebolita nel 2017 da un’altra decisione della Corte costituzionale federale secondo cui ai pazienti in condizioni terminali molto gravi non poteva essere impedito l’accesso a farmaci letali.

Un portavoce del governo ha detto che la sentenza e le motivazioni della Corte saranno esaminate con cura prima di decidere come procedere.

I giudici della Corte costituzionale federale tedesca durante la sentenza sulla legge sul suicidio assistito, il 26 febbraio 2020, a Karlsruhe (ANSA/EPA/THORSTEN WAGNER)