• Mondo
  • giovedì 13 febbraio 2020

Il capo del Partito Democratico dell’Iowa si è dimesso dopo il pasticcio dei caucus

Troy Price, il capo del Partito Democratico dell’Iowa, si è dimesso dopo il pasticcio dei caucus avvenuto nel primo appuntamento elettorale delle primarie del partito, lo scorso lunedì 3 febbraio, quando un problema con l’app utilizzata per trasmettere i risultati del voto aveva rallentato e poi sostanzialmente reso impossibile il conteggio finale, ad oggi ancora non pervenuto. Price era il capo del partito locale dal 2017, ed era quindi al suo primo caucus – un particolare sistema di voto in cui non si segna la preferenza su una scheda, ma ci si sposta fisicamente nel gruppo del candidato preferito dopo dibattiti e discussioni.

Dopo vari problemi all’app che da quest’anno era usata per raccogliere parte dei risultati, gli scrutatori hanno rilevato diverse incongruenze ed errori nei dati complessivi sul voto, rendendo molto complicato annunciare un risultato finale. Sembra molto sicuro che abbia vinto il candidato Pete Buttigieg, anche se Bernie Sanders ha preso più voti: ma non è stato comunque annunciato il risultato ufficiale in termini di voti – i delegati invece sono stati assegnati regolarmente – e forse non succederà mai.

(Steve Pope/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.