È morto il biochimico Stanley Cohen, premio Nobel per la medicina con Rita Levi-Montalcini nel 1986

Stanley Cohen, biochimico statunitense premio Nobel per la medicina nel 1986 con Rita Levi-Montalcini, è morto a Nashville il 5 febbraio scorso: aveva 97 anni. Allievo di Levi-Montalcini, negli anni Cinquanta contribuì all’identificazione del fattore di crescita nervoso, una proteina con un ruolo centrale nello sviluppo del sistema nervoso nei vertebrati. Prima della sua scoperta, i neurobiologi non avevano conoscenze precise sui meccanismi che portano gli organi e gli altri tessuti di un organismo a essere innervati. Grazie al lavoro di Levi-Montalcini e Cohen, fu possibile comprendere i processi che indirizzano e regolano la crescita degli assoni, le strutture attraverso le quali sono trasmessi i segnali nervosi. A distanza di quasi 70 anni, la loro scoperta è ancora oggi al centro di numerose ricerche per trovare cure ad alcune gravi malattie, come la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e la malattia di Alzheimer.

Stanley Cohen (AP Photo/Mark Humphrey)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.