• Mondo
  • lunedì 3 Febbraio 2020

L’ISIS ha rivendicato l’attentato compiuto domenica nel sud di Londra

La polizia britannica ha diffuso nuovi dettagli sull’uomo che domenica ha accoltellato due persone a Streatham, una zona residenziale a sud di Londra, prima di essere ucciso dagli agenti intervenuti sul posto.

L’uomo, Sudesh Amman, era stato rilasciato da poco dal carcere, dove aveva scontato parte di una condanna a tre anni e quattro mesi per il possesso e la distribuzione di materiale estremista. La polizia ha detto che Amman era sotto attiva sorveglianza, perché sospettato di poter compiere azioni di terrorismo proprio come quella di domenica. Secondo una fonte citata dal Guardian, l’attacco sarebbe stato ancora più grave se gli agenti che stavano sorvegliando Amman non fossero intervenuti tempestivamente.

L’attentato è stato rivendicato lunedì dall’ISIS, che ha diffuso un comunicato che lascia intendere come l’attacco sia stato “ispirato” – e non “diretto” – dal gruppo terroristico, circostanza molto comune negli attentati in Europa degli ultimi anni.

Sudesh Amman (Metropolitan Police via AP)