Umberto Bossi durante il ricevimento a Villa Taverna per il Giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti d'America, Roma, 5 luglio 2018 (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

A Umberto Bossi non piace la Lega di Salvini

Dice che la svolta nazionalista e il tentativo di trovare sostegno al Sud non hanno portato a molto e che bisogna ancora puntare sull'autonomia del Nord Italia

Umberto Bossi durante il ricevimento a Villa Taverna per il Giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti d'America, Roma, 5 luglio 2018 (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Oggi Repubblica ha in prima pagina un’intervista di Gad Lerner a Umberto Bossi, ex leader della Lega Nord. Lerner ha intervistato Bossi a casa sua, a Gemonio, in provincia di Varese, a pochi giorni dalla decisione di Matteo Salvini di rifondare la “Lega Salvini premier”, movimento nazionale creato due anni fa, e di commissariare gli organi della Lega Nord, di cui Bossi rimane presidente a vita, perché titolare del debito con lo Stato per la condanna sui rimborsi irregolari.

Bossi, che non era presente alla riunione durante cui è stato deciso il commissariamento, nella conversazione – un po’ svogliata, come di uno che ha accolto l’intervistatore per gentilezza e antica conoscenza ma vorrebbe limitare l’effetto delle cose che pensa – ha detto di conoscere il nuovo commissario Igor Iezzi solo di vista («È un ragazzo, questo il suo limite») e ha spiegato di aver aderito al gruppo “Lega per Salvini premier” in Senato «per forza di cose»: «Ma una tessera nazionalista mica fa per me». Nell’intervista, Bossi ha preso più volte posizione contro la svolta nazionalista di Salvini e il tentativo di far uscire la Lega dal Nord Italia:

«(…) Altro che prima gli italiani, per quello basta e avanza la destra nazionalista. Ora spero sia chiaro: se trasferisci la Lega al Sud, poi diventa più difficile chiedere il voto alla Lombardia, al Veneto e all’Emilia».

E ancora:

«La gente si chiede: la Lega fa ancora gli interessi del Nord, sì o no? Basta fare due conti. Più della metà degli elettori italiani vive sopra il Po. Se perdiamo questi, è finita. La priorità è batterci per l’autonomia, e per raggiungerla l’esperienza insegna che serve mantenere anche buoni rapporti con la sinistra, più sensibile della destra a questo tema».

Quando Lerner chiede a Bossi se la Lega dovrebbe dunque cambiare alleati, avendo invece scelto la vicinanza a vari gruppi estremisti e movimenti neofascisti italiani e non, Bossi dice:

«Non dico questo. Dico solo che per raggiungere l’autonomia bisogna avere rapporti anche con la sinistra. In Europa è la sinistra che ha concesso spazi all’autonomia. Se è avvenuto in Catalogna, perché non in Lombardia? E poi nell’Italia meridionale l’elettorato si divide per clientele, come facciamo a credere che la Lega nazionalista diventi primo partito del Sud? È stato un errore provarci. Le ultime elezioni ci dicono che la strategia di andare al Sud è entrata in crisi. Torniamo indietro fin che siamo in tempo. Sono convinto che l’autonomia è una meta che raggiungeremo, per questo tengo duro».

E infine:

«Quel genere di alleanze ti può aiutare momentaneamente a prendere qualche voto in più, ma poi nessuno li vuole, non sono spendibili per conquistare dei risultati. Gli alleati ti devono servire per governare, se scegli l’estrema destra dopo è difficile trovare qualcuno che fa gli accordi con te. E poi, me lo lasci dire: mio nonno era socialista, io sono e resto antifascista. Su questo non si transige».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.