Goldman Sachs non lavorerà più con società che non abbiano almeno una persona appartenente a una categoria discriminata nel consiglio di amministrazione

Giovedì David Solomon, amministratore delegato della banca d’investimento Goldman Sachs, ha detto in un’intervista a CNBC che a partire da luglio la banca non si occuperà più di quotazione in borsa di società europee e statunitensi che non abbiano almeno una persona appartenente a una categoria discriminata nel consiglio di amministrazione, con particolare attenzione alle donne. «Potremmo perdere un po’ di affari – ha detto Solomon – ma a lungo termine penso che questo sia il miglior consiglio per le aziende che vogliono generare rendimenti per i loro azionisti nel tempo».

Nell’intervista Solomon ha spiegato che le società statunitensi con almeno una donna nel loro consiglio di amministrazione hanno avuto prestazioni migliori di quelle senza negli ultimi quattro anni, e ha aggiunto che Goldman Sachs, che ha 4 donne tra gli 11 membri del Cda, potrebbe aiutare i clienti a identificare le migliori donne da candidare, se necessario.

Leggi anche: Come mai discutiamo sempre delle “quote”

(Alex Wroblewski/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.