Rupert Murdoch, al centro, insieme ai figli James (a destra) e Lachlan (a sinistra). (John Phillips/Getty Images)

Il figlio di Rupert Murdoch ha criticato come i media del padre stanno raccontando gli incendi in Australia

Ha detto di essere deluso del «continuo negazionismo» riguardo al collegamento con il riscaldamento globale

Rupert Murdoch, al centro, insieme ai figli James (a destra) e Lachlan (a sinistra). (John Phillips/Getty Images)

James Murdoch, figlio del magnate dei media australiano Rupert Murdoch, proprietario del conglomerato News Corp che controlla tra gli altri Fox News, il Sun e una lunga serie di giornali australiani, ha criticato il modo in cui le testate del padre stanno raccontando i devastanti incendi che da settimane bruciano in Australia. In un comunicato dato al Daily Beast e scritto insieme alla moglie Kathryn, ha detto:

Le opinioni di Kathryn e James sulla questione climatica sono ben noti e la loro frustrazione con parte del racconto di News Corp e Fox sull’argomento è risaputa. Sono particolarmente delusi dal continuo negazionismo tra le testate australiane, nonostante le prove dimostrino il contrario.

– Leggi anche: La verità sugli incendi in Australia

I media di News Corp sono noti per le loro posizioni generalmente conservatrici, dal Wall Street Journal al Times britannico. Ma da anni le testate più di destra del gruppo come Fox News sono estesamente accusate di negare o sminuire il riscaldamento globale e l’emergenza climatica, fenomeni dimostrati dalla scienza. In passato gli editorialisti del gruppo News Corp hanno definito i collegamenti tra il cambiamento climatico e gli incendi in Australia «isterici» e «stupidi».

Murdoch fa parte del consiglio di amministrazione di News Corp, ma non ha altri ruoli dirigenziali e nella vita si occupa di un fondo di investimenti. La famiglia Murdoch, peraltro, è quella che ha ispirato i protagonisti della serie di HBO Succession.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.