• Mondo
  • domenica 5 gennaio 2020

Avvenire ha pubblicato alcune immagini di un video che mostra le torture a una migrante in un campo libico

Il quotidiano Avvenire, tra i più attenti e affidabili in Italia a proposito della Libia e sulle questioni legate ai migranti, ha pubblicato alcuni fermi immagine tratti da un video di torture a una giovane donna eritrea in un campo di detenzione libico. Il video, scrive Avvenire, è stato girato nel campo di Bani Walid, il più noto tra quelli in cui sono detenuti i migranti bloccati nel loro viaggio dall’Africa centrale all’Europa, oppure intercettati nel mar Mediterraneo dalla cosiddetta guardia costiera libica. Mostra la donna appesa a testa in giù, mentre viene bastonata ripetutamente – Avvenire non ha diffuso il video per intero – ed è stato inviato alla famiglia della donna per chiedere un riscatto.

I ricatti e le torture sono una pratica frequente di chi gestisce i campi di detenzione libici, dove i diritti umani sono violati sistematicamente. Secondo l’UNHCR, l’agenzia dell’ONU che si occupa di migranti, in Libia ci sono 6mila richiedenti asilo detenuti in 12 campi ufficiali e in diversi altri non ufficiali. Qualche giorno fa Avvenire aveva raccontato che i miliziani che gestiscono il campo di Bani Walid avevano comprato da un trafficante un gruppo di 66 eritrei, tra cui 8 donne, per chiedere poi il riscatto alle famiglie. Si parla di oltre 11mila euro per ciascuno.

(Avvenire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.