Google verserà 296 milioni di euro di tasse non pagate all’Australia

Google ha patteggiato un contenzioso aperto da alcuni mesi con l’agenzia delle entrate australiana, accettando di versare circa 481,5 milioni di dollari australiani (circa 296 milioni di euro) di tasse non pagate fra il 2008 e il 2018. Il governo australiano aveva da tempo contestato a Google di pagare molte meno tasse di quanto doveva, grazie al consueto espediente di usare per le proprie sedi paesi in cui le tasse sono più basse della media: in Europa le aziende americane di tecnologia usano l’Irlanda, mentre in Asia e in Oceania fanno più o meno la stessa cosa con Singapore. L’agenzia delle entrate australiana ha fatto sapere che di recente è riuscita a raccogliere circa 860 milioni di euro di tasse non pagate da grosse aziende di tecnologia: oltre a Google, ha ottenuto soldi anche da Apple, Microsoft e Facebook.

(Sean Gallup/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.