• Sport
  • venerdì 13 dicembre 2019

La Major League Baseball permetterà agli atleti di fare uso di marijuana

La Major League Baseball (MLB), la più importante lega di baseball al mondo, ha annunciato alcune modifiche alle regole riguardanti le sostanze il cui utilizzo è vietato agli atleti. In base a un accordo raggiunto con l’associazione dei giocatori, verrà permesso l’uso di marijuana, sostanza che verrà considerata al pari delle bevande alcoliche. Per quanto riguarda invece farmaci oppioidi, cocaina, cannabinoidi sintetici e altre sostanze attualmente vietate, la lega non punirà più immediatamente chi ne farà uso: a chi risulterà positivo nei test antidoping verrà proposto di sottoporsi a cure mediche e riabilitative. Solo se queste cure verranno rifiutate ci saranno provvedimenti disciplinari.

Il commissario della MLB, Rob Manfred, ha spiegato in una conferenza stampa che tra le motivazioni che hanno spinto la lega a prendere questa decisione c’è stata la morte di Tyler Skaggs, lanciatore dei Los Angeles Angels, morto a 27 anni lo scorso luglio. Skaggs era morto soffocato dal proprio vomito, dopo aver assunto alcol e diversi farmaci oppioidi. Manfred ha detto di sperare che questa decisione possa essere un modo per arginare la diffusione degli oppioidi negli Stati Uniti, un fenomeno che riguarda circa 1,2 milioni di persone di età superiore ai 12 anni.

(Will Newton/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.