The Boring Book di Shinsuke Yoshitake

I migliori libri illustrati per bambini del 2019

Li ha scelti come ogni anno il New York Times, tra bambini annoiati, giardinieri, grandi città e milioni di punti che formano topi

The Boring Book di Shinsuke Yoshitake

Dal 1952 ogni anno il New York Times sceglie i migliori libri illustrati per bambini usciti negli Stati Uniti, tenendo soprattutto conto della bellezza e del valore artistico dei disegni. Nel 2017, per festeggiare i 65 anni della tradizione, lo aveva fatto insieme alla New York Public Library, la biblioteca pubblica di New York, e da allora la collaborazione è stata riproposta lo scorso anno e questo. La giuria che ha scelto i libri a questo giro è composta da Bruce Handy, giornalista, critico e autore di Wild Things: The Joy of Reading Children’s Literature as an Adult; Jessica Cline, responsabile della sezione illustrata della New York Public Library; Jillian Tamaki, illustratrice e a sua volta vincitrice del premio. Non sono tradotti in italiano, ma in quasi tutti i libri il testo è marginale e facile da capire; uno è stato scritto e illustrato da un’autrice italiana.

Small in the City
Scritto e illustrato da Sydney Smith, età 4-8 anni

Mostra come un bambino piccolo si orienta in una grande città, la canadese Toronto, di cui conosce angoli e nascondigli. Secondo l’illustratrice Tamaki «Smith riesce a dipingere un paesaggio invernale urbano con precisione e insieme con grande scioltezza».


Another
Scritto e illustrato da Christian Robinson, età 4-8 anni

Racconta senza parole ma con «il perfetto equilibrio di colore, forma e consistenza» di una bambina e del suo gatto in una casa piena di giochi e di potenziali avventure, alla ricerca del proprio doppio. È un colorato, ottimista e divertente «libro illustrato di fantascienza destinato a diventare un classico».

The Lost Cousins
Scritto e illustrato da B.B. Cronin, età 3-7 anni

«È un lavorone di psichedelia per bambini, giocosamente denso e piuttosto estremo negli accostamenti di strabilianti colori fluorescenti», scrive Bruce Handy. Parla di un nonno che sfoglia un vecchio album di fotografie con i nipoti, che decidono di andare a conoscere i cugini dall’altra parte del mondo, ritrovandosi in paesaggi glaciali, grandi città e giungle.

A Million Dots
Scritto e illustrato da Sven Völker, età dai 5 anni in su

Il numero di ogni pagina sinistra è ottenuto raddoppiando il numero della pagina sinistra precedente, e così in 44 pagine si arriva al milione (precisamente a 1.048.576, cioè 220, perchè in fondo tutti i numeri usati sono successive potenze di 2); i numeri sono punti che si combinano sulla pagina per formare coccinelle, topini e campi da tennis. «Diverte per la sua giocosa, intelligente e decisamente sorprendente esplorazione della moltiplicazione. È un libro semplice e grafico ma l’effetto finale è impressionante», spiega Tamaki. Völker (1974) lavora a Berlino, dove insegna graphic design; ha realizzato il suo primo libro in collaborazione con Sting: si intitola There is a little black spot on the sun today e illustra, per bambini, la canzone dei Police King of Pain.

Just Because
Scritto da Mac Barnett e illustrato da Isabelle Arsenault, età 4-8 anni

Perché piove? Cosa è successo ai dinosauri? Perché esiste il blu? Il momento dei perché arriva per chiunque abbia a che fare con bambini piccoli, qui un papà risponde pazientemente a tutti quelli che gli chiede la figlia prima della buonanotte.


La bambina di vetro (Child of Glass)
Scritto e illustrato da Beatrice Alemagna, età 4-8 anni

La storia di una bambina «fragile ma resiliente», scrive il New York Times, raccontata attraverso lucidi e pagine di carta tradizionale e con disegni che «creano una forte fluidità tra il mondo interiore e quello di fuori. Sfogliarlo significa osservare una trasformazione in tempo reale». Alemagna è un’illustratrice italiana, nata a Bologna nel 1973; a otto anni decise che sarebbe diventata illustratrice e scrittrice. Ha vinto numerosi premi tra cui il premio Andersen come migliore illustratrice per ragazzi del 2010, i suoi libri si trovano qui.


The Farmer
Scritto e illustrato da Ximo Abadia, età 4-8 anni

Tutti dormono tranne il contadino Paul che ara, rastrella, semina, bagna la terra e fa crescere e fiorire il suo giardino. Ma un giorno la siccità lo fa seccare e Paul chiede aiuto ai suoi amici animali. «Abbiamo scelto questo libro perché il duro lavoro, il sole brutale e la ricerca d’acqua sono resi attraverso disegni frugali che si allargano coraggiosamente sulle pagine, raffigurando e incoraggiando l’indipendenza e la determinazione».


The Boring Book
Scritto e illustrato da Shinsuke Yoshitake, età 4-8 anni

L’illustratore e scultore giapponese Yoshitake dipinge la vita quotidiana con senso dell’umorismo e dei dettagli: qui esplora la noia, il tedio, la voglia di non fare niente e qualche tentativo di intrattenersi con la fantasia. Ai giudici ha ricordato il tocco di Charles Schulz, l’autore dei Peanuts, buffo e divertente.


Monkey on the Run
Scritto e illustrato da Leo Timmers, età 4-7 anni

Una scimmmietta sfreccia via dalla moto a forma di banana del papà e salta su un camion dei pompieri e poi su uno della spazzatura, su un carretto di cibo per conigli pieno di carote, sulla macchina di un ladro di gioielli, e così via. Ai giudici è piaciuto perché le illustrazioni sono piene di energia e insieme riflessive, con dettagli che fanno soffermare il lettore.

I Miss My Grandpa
Scritto e illustrato da Jin Xiaojing, età 4-8 anni

La protagonista cerca di immaginare com’è il nonno che non ha mai incontrato partendo dall’aspetto delle persone della sua famiglia. I giudici hanno apprezzato la varietà di stili visivi e la capacità di scandagliare l’idea dell’assenza e della discendenza.

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su altri siti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.